Jaro Tapal

Jaro Tapal era un maestro Jedi di specie Lasat che servì l’Ordine Jedi negli ultimi anni della Repubblica Galattica. Biografia Prestò servizio nella Grande Armata della...
HomeApprofondimentiLa guerra dei cacciatori di taglie e la narrazione da prospettive diverse...

Leggi anche

La guerra dei cacciatori di taglie e la narrazione da prospettive diverse di Star Wars

La guerra dei cacciatori di taglie è l’evento editoriale di Star Wars di quest’anno. Questo perché è un evento crossover fra tutte le serie a fumetti di Star Wars, ovvero Star Wars, Darth Vader db, Dottoressa Aphra db e Cacciatori di Taglie. Dopo che la storia è partita con i due preludi su Star Wars e Darth Vader, in questi giorni nelle fumetterie italiane è arrivato il primo numero, che riserva tantissime sorprese agli appassionati di Star Wars.

La guerra dei cacciatori di taglie e la narrazione da prospettive diverse di Star Wars, Star Wars Addicted

La guerra dei cacciatori di taglie si compone di cinque numeri, che usciranno da marzo a luglio, e che raccoglieranno la miniserie principale, mentre una serie di speciali (in gergo fumettistico one-shot) faranno da corollario alla saga principale, ampliandola e mostrando la storia da prospettive differenti.

La storia inizia quando Boba Fett db perde Han Solo db congelato nella carbonite, muovendo i suoi passi subito dopo le vicende di Episodio V: L’Impero Colpisce Ancora. Come sappiamo, Darth Vader ha congelato in una lastra di carbonite il povero Han Solo pochi secondo dopo che la Principessa Leia db, finalmente, gli aveva confessato il suo amore, e senza che gli amici Chewbacca db e Luke Skywalker db potessero fare nulla per impedirlo. La lasta che contiene il Capitano Solo, poi, è stata ceduta da Lord Vader a Boba Fett, il cacciatore di taglie più pericoloso della galassia, a fronte del’impegno di quest’ultimo a pedinare segretamente il Millennium Falcon per conto dell’Impero.

La guerra dei cacciatori di taglie e la narrazione da prospettive diverse di Star Wars, Star Wars Addicted

A bordo della sua nave, Fett è in possesso di un carico molto prezioso che è pronto a portare a Tatooine db da Jabba db per incassare l’enorme taglia che l’Hutt db aveva messo sulla testa del contrabbandiere corelliano. Ma le cose prendono una piega molto diversa rispetto ai piani del cacciatore di taglie…

Boba Fett che perde il suo prezioso carico? Gli eroi della Ribellione sulle tracce del carico e addirittura Ochi di Bestoon db, Dart Vader e il Cartello degli Hutt coinvolti nella storia? Tutto sembrava molto poco credibile. Anche perché nei due già citati preludi apprendevamo non solo della sbadataggine di Fett ma anche del fatto che il mandaloriano aveva partecipato a un torneo apparentemente inutile su un pianeta pericolosissimo, la luna dei contrabbandieri di Nar Shaddaa, satellite di Nal Hutta db, il pianeta natale degli Hutt. Boba Fett ha partecipato al torneo, inoltre, con delle sembianze troppo vicine al suo vero sé stesso, attirando l’attenzione dell’organizzazione criminale dei Kanjiklub, molto potente su Nar Shaddaa.

Come spesso accade con Star Wars, la nuova storia, spostando leggermente la prospettiva dalla quale vengono raccontati i fatti, rende il tutto molto più credibile, e ci dà le risposte che attendevamo. Fett, a bordo della Slave 1, si rende conto che la matrice di carbonite è instabile e questo può portare alla morte di Solo, che invece Jabba vuole rigorosamente vivo. È per questo motivo che è costretto a recarsi in un posto pericoloso come Nar Shaddaa e a rivolgersi al Besalisk db Doc Ragon, specialista nella stabilizzazione della carbonite.

Boba Fett non ha più crediti per pagare in anticipo Ragon e il Besalisk gli dice che considererà il debito pagato solo se il cacciatore di taglie ucciderà Wyrmen Lictor, una combattente molto vicina agli Hutt Kanji che una volta ha ucciso un cavallo di battaglia di Ragon, facendogli perdere molti soldi. Ragon chiede quindi a Boba Fett di combattere nell’area su Nar Kanji, di sfidare Wyrmen Lictor e di ucciderla, in cambio stabilizzerà la carbonite con Han Solo. Per evitare che i Kanji focalizzino l’attenzione su Fett, inoltre, usa della vernice nanospray per rendere la sua armatura nera, in modo che il cacciatore di taglie assomigli a un comune mandaloriano. Inoltre, per non farsi riconoscere Fett si iscriverà al torneo con il nome di Jango db, segno che non si è ancora lasciato alle spalle il dolore per la morte del padre su Geonosis.

La guerra dei cacciatori di taglie e la narrazione da prospettive diverse di Star Wars, Star Wars Addicted

Mentre Boba Fett è impegnato nell’arena, qualcuno ruba la lastra di carbonite a Ragon. Inoltre, è stata messa una grande taglia su Boba Fett: si tratta di un contratto aperto, a cui chiunque può partecipare. I primi a mettersi sulle tracce di Fett sono Zuckuss db e 4-LOM db, ma il figlio di Jango li farà fuori e scoprirà che a mettere la taglia è stato proprio Jabba the Hutt, che ha iniziato a sospettare che Boba Fett avesse venduto Solo per un guadagno maggiore.

Quando il cacciatore di taglie si reca al Palazzo di Jabba the Hutt su Tatooine, però, trova solo Bib Fortuna db e le altre guardie di Jabba, mentre il signore del crimine è sul suo Galeone da guerra Shad’ruu nell’iperspazio impegnato in un confronto virtuale con i vari membri del Consiglio degli Hutt, tra cui Bokku (che abbiamo conosciuto nel preludio di Darth Vader intento a vendere informazioni sul destino della carbonite a Ochi di Bestoon), Meeka e Marlo, altri membri del Gran Consiglio Hutt.

Jabba sta viaggiando verso il pianeta dell’Orlo Intermedio Jekara dopo aver ricevuto un invito da coloro che hanno derubato Fett (lui pensa che Solo è stato acquistato), i quali sostengono che sono in grado di restituire Solo agli Hutt. In realtà, si scopre, che è l’Alba Cremisi che sta muovendo le fila del complotto, con un preciso scopo. Celebrare il ritorno dell’organizzazione criminale dopo diversi anni di inattività.

La sua leader, Lady Q’ira, sa che la pessima reputazione di Han Solo lo ha legato a quasi tutte le fazioni più potenti della galassia, che ora vuole attirare e manipolare intorno agli interessi dell’Alba Cremisi. L’Alleanza Ribelle, l’Impero, i cacciatori di taglie Beilert Valance db e Dengar db, la Dottoressa Aphra e Sana Starros, la sedicente moglie di Han Solo, e gli Hutt si metteranno tutti sulle tracce di Han Solo imprigionato nella carbonite.

La guerra dei cacciatori di taglie e la narrazione da prospettive diverse di Star Wars, Star Wars Addicted

E Q’ira assumerà ancora il controverso ruolo che da una parte la vede in qualche modo legata sentimentalmente a Solo, dall’altra pronta a sfruttarlo per gli interessi dell’Alba Cremisi. Era stata Enfys Nest nel film Solo: A Star Wars Story a raccontarci le origini mercenarie dell’Alba Cremisi, che prima di organizzarsi in un cartello strutturato era più simile a una banda di predoni che saccheggiavano con violenza inaudita mondi interi, viaggiando di pianeta in pianeta.

A un certo punto della sua storia, l’Alba Cremisi entra a far parte di un’organizzazione più ampia e temibile, il Collettivo Ombra, guidato dall’ex Signore dei Sith Maul db (come raccontato nella serie animata Star Wars: The Clone Wars). Col tempo Maul viene coinvolto sempre più direttamente nella gestione dell’Alba Cremisi, preferendo comunque sempre agire nell’ombra e scegliendo di volta in volta un leader di facciata dell’organizzazione. Dryden Vos era il prestanome ai tempi dell’ascesa dell’Impero, prima che la sua seconda in comando, Qi’ra db, se ne sbarazzasse e prendesse il suo posto. Con la morte di Maul per mano di Obi-Wan Kenobi db su Tatooine, raccontata nell’emozionante episodio Soli gemelli della serie Star Wars: Rebels, la presa dell’Alba Cremisi sulla galassia pareva essersi attenuata, permettendo ad altre organizzazioni criminali di affermarsi.

La guerra dei cacciatori di taglie e la narrazione da prospettive diverse di Star Wars, Star Wars Addicted

Nei prossimi mesi, dunque, non si tratterà unicamente di scoprire il destino di Han Solo nella lastra di carbonite, ma anche molto di più su Qi’ra e l’Alba Cremisi. La guerra dei cacciatori di taglie, infatti, è solo il primo passo in questa storia, perché un’altra serie, dedicata all’Alba Cremisi, ci mostrerà ulteriori sviluppi, prima della conclusione della trilogia con un arco narrativo che non è stato ancora annunciato.

Insomma, per questi motivi La guerra dei cacciatori di taglie è l’esempio perfetto della narrazione da prospettive diverse di Star Wars. Ci mostrerà una storia piena di azione da angolature differenti e ciascuna di loro svelerà dettagli e fornirà spiegazioni che originariamente non è possibile cogliere. Il tutto corredato dagli splendidi disegni di Steve McNiven e Luke Ross, mentre la storia è scritta da Charles Soule db (La Luce dei Jedi), una garanzia per Star Wars.


♦ DIVENTA UN SUPPORTER!

Supporta Star Wars Addicted, elimina le pubblicità e sblocca vantaggi esclusivi! Scopri come qui.

Non dimenticare di restare aggiornato

Per non perdere nessuna notizia su Star Wars seguici su Facebook, Instagram e TikTok.
Raggiungici anche sulla chat Telegram, per chiacchierare con la redazione e tanti altri fan della Saga, e non dimenticare di unirti al Canale ufficiale per ricevere in tempo reale notifiche su news e aggiornamenti!

Supervisor Editor

Approfondimenti e editoriali su Star Wars.

Supporter

Diventa un Supporter. Scopri come!

Ultimi articoli