News

Guide

Serie

Live

HomeApprofondimentiNell'Oscurità – Guida al Romanzo

Leggi anche

Nell’Oscurità – Guida al Romanzo

L’Alta Repubblica è una mastodontica opera mossa da una narrazione che si sviluppa attraverso media diversi. Personaggi che incrociano i loro percorsi, avventure e tragedie si susseguono lungo una continuity suddivisa su tante opere. Ad esempio ritroviamo la giovane maestra Jedi mirialana Vernestra Rwoh e il suo Padawan Imri Cantaros nel fumetto dell’Alta Repubblica dopo averli conosciuti nell’ottimo Una Prova di Coraggio, mentre lo sceriffo del Faro Starlight Avar Kriss vivrà con loro delle avventure dopo che il lettore l’ha conosciuta ne La Luce dei Jedi, l’opera che ha aperto l’Alta Repubblica.

Si tratta, quindi, di un progetto editoriale (e non solo!) in continua evoluzione in cui ogni tassello contribuisce a creare un affascinante affresco corale. Dopo i primi due romanzi, La Luce dei Jedi di Charles Soule e Una Prova di Coraggio di Justina Ireland, ecco Nell’Oscurità della famosissima scrittrice di best seller young adult Claudia Grey. Amatissima dai fan di Star Wars, lei ha già scritto Maestro e Apprendista (finalmente in arrivo in Italia a settembre, ancora una volta per merito del lavoro di Panini), Leia Principessa di Alderaam, Bloodline e Lost Stars.

, Nell’Oscurità – Guida al Romanzo, Star Wars Addicted In questo terzo libro dell’Alta Repubblica facciamo la conoscenza del Padawan Jedi Reath Silas. Lui ama le avventure, ma quelle da leggere, non quelle da vivere. Felice di passare ore a sfogliare gli Archivi Jedi su Coruscant, Reath sogna di diventare uno dei grandi studiosi dell’Ordine Jedi. Ma il Maestro Togruta di Reath, la stimata e virtuosa Jori Malli, anch’essa conosciuta ne La Luce dei Jedi, ha altri piani: ha accettato un posto al Faro Starlight, l’avamposto nuovo fiammante della Repubblica ai confini dello spazio conosciuto. In qualità di suo Padawan, Reath deve unirsi a lei, che gli piaccia o meno l’idea.

, Nell’Oscurità – Guida al Romanzo, Star Wars Addicted Jora non ha accettato l’incarico solo perché ben si adatta alle sua abilità diplomatiche, ma anche e soprattutto perché lo ritiene importante per Reath. Il Faro Starlight è al centro della nuova strategia di espansione della Repubblica nell’Orlo Esterno e i Jedi hanno dato le loro vite per proteggere le persone di quell’area dello spazio.

Così Reath sale a malincuore a bordo della nave che porterà lui e pochi altri Jedi all’inaugurazione del Faro Starlight, dove il Maestro Jora lo aspetta per iniziare la loro vita avventurosa alla frontiera. Reath non ama viaggiare e si sente al sicuro su Coruscant. Il pianeta del Nucleo ha dato tantissimo a Reath e, fra le altre cose, l’opportunità di essere Padawan di un membro del Consiglio dei Jedi come Jora Malli.

, Nell’Oscurità – Guida al Romanzo, Star Wars AddictedCon evidenti lentiggini sul volto, Reath non è dotato di possanza spiccata nella Forza e per questo preferisce concentrarsi più su quelle aree in cui l’impegno conta più del talento.
Questo lo rende “quello strano”, nella maggior parte dei casi. Ma invece di conformarsi, Reath finisce per abbracciare ancora di più la sua passione per i libri

Amico di Reath è Dez Rydan, l’ex Padawan del Maestro Jora. Tanto avventuroso quanto studioso è Reath, tanto Dez è bello, determinato, alto, con la pelle dorata e i folti capelli neri. Dez finirà per intraprendere il Voto di Barash. Un’altra amica e compagna di viaggio è poi Orla Jareni. Umbarana, lei è una Cercavia, ovvero una Jedi che opera indipendentemente dai dettami del Consiglio dei Jedi. La sua spada laser ha due lame, bianche e lucenti.

, Nell’Oscurità – Guida al Romanzo, Star Wars Addicted

Li accompagna anche il Maestro Cohmac Vitus, rinomato come studioso e mistico. Sua abilità è quella di mantenere sé stesso sospeso in levitazione. Il legame tra Cohmac e Orla si è formato durante gli anni da Padawan a causa della crisi degli ostaggi di Eiram-E’ronoh, una missione dove Cohmac ha perso il suo Maestro, Simmix, un serpente di specie Filithar. Mentre Orla è sempre capace di mettere da parte le emozioni, Cohmac percepisce le cose con maggiore profondità e immediatezza, e per questo il suo equilibrio è più difficile da mantenere. Inoltre, la perdita del Maestro è come una mina in lui destinata a esplodere.

, Nell’Oscurità – Guida al Romanzo, Star Wars Addicted

Il trasporto che conduce il gruppo sul Faro Starlight è pilotato da Leox Gyasi e da Affie Hollow, due eccentrici viaggiatori spaziali che lavorano per la Gilda Byne (la proprietaria della Gilda è la madre adottiva di Affie, la Bivall Scover). La Gilda Byne ha un ruolo molto importante in questa narrazione perché è la compagnia che possiede la Legacy Run, l’enorme nave trasporto che innesca il Grande Disastro iperspaziale raccontato ne La Luce dei Jedi. Affie è una giovane ragazza alle prime esperienze nella Gilda e viene a scoprire dei retroscena inquietanti nell’organizzazione gestita dalla madre adottiva. Le sue indagini sono talmente importanti in questo racconto che non è un caso che troviamo Affie nella copertina di Nell’Oscurità, insieme a Reath.

, Nell’Oscurità – Guida al Romanzo, Star Wars Addicted

Leox, invece, è un pilota di esperienza che puzza di spezia e che indossa camicie a collo aperto adornate di molte perline. Insieme a loro il Vintiano di Vint Geode, una roccia abilissima nella navigazione del l’iperspazio. Questo personaggio, che rimane sempre immobile ma con cui Leox e Affie sembrano interagire, rappresenta uno degli aspetti di maggiore innovazione del romanzo della Grey. Imperscrutabile nel suo non fare niente, ma allo stesso tempo apparentemente prezioso, evidenzia lo stile della scrittrice, calmo e compassato a volte, maestoso nella sua vocazione fantasy altre.

, Nell’Oscurità – Guida al Romanzo, Star Wars Addicted Con Nell’Oscurità, quindi, torna l’inconfondibile stile di Claudia Grey, calmo e ragionato ma che all’occorrenza sa essere sferzante e incisivo. I fan della scrittrice saranno contentissimi di “ritrovarla”, con una traduzione da parte di Panini, a differenza de La Luce dei Jedi, eccellente.

Sono così tanti i riferimenti a La Luce dei Jedi, poi, che Nell’Oscurità può essere considerato come una sorta di romanzo di supporto rispetto al lavoro di Charles Soule. Viviamo il Grande Disastro da un altro punto di vista che ci fa capire come una comune nave da trasporto ha dovuto affrontare la crisi iperspaziale durante il suo viaggio.

Allo stesso tempo la struttura narrativa di Nell’Oscurità assomiglia a quella di Una prova di coraggio, visto che il viaggio di Reath e compagni viene bruscamente interrotto e il gruppo deve ripiegare su una destinazione di fortuna. A a causa dei problemi all’iperspazio causati da Varchi Nihil (che hanno portato una nave Nihil quasi in rotta di collisione con la Legacy Run, provocando la distruzione di quest’ultima) e raccontati ne La Luce dei Jedi, infatti, la nave e gli altri vascelli nelle vicinanze si perdono alla deriva, e per mettersi al riparo devono raggiungere un’inquietante stazione spaziale abbandonata. Nella stazione si trovano ampi giardini popolati da piante rare e velenose, sorvegliate da droidi astromeccanici 8-T. È una stazione molto affascinante che espone le sue piante allo spazio stellato. Mentre, però, Una Prova di Coraggio racconta un semplice episodio avventuroso su una luna sperduta, Nell’oscurità è più articolato, la storia viene raccontata da punti di vista diversi e la seconda parte cambia completamente ambientazione, visto che ci si sposta su Coruscant.

Il gruppo scopre che l’antica stazione è stata costruita dagli Amaxine, gli antichi guerrieri di cui la Grey ha già parlato in Bloodline. Quando la Repubblica ha unificato varie parti della galassia, gli Amaxine non hanno accettato la pace e hanno iniziato ad addentrarsi nel vuoto cosmico.

Sono tante le cose che apprendiamo grazie a Nell’Oscurità, il che lo rende un tassello fondamentale dell’Alta Repubblica. Anche perché introduce i Drengir. Già visti anche nel numero 3 della serie a fumetti dell’Alta Repubblica, i Drengir sono dei vegetali senzienti con una profonda connessione con il lato oscuro. Ciascuno di loro è alto almeno due metri, è spesso e massiccio e non possiede un tronco. Una massa strisciante di rampicanti spinosi, molti dei quali rivestiti da una corteccia simile a un’armatura, ricopre ogni Drengir. Una specie di testa corazzata di spine e dotata di bocca larga e sorridente come la trappola di una pianta carnivora è progettata per chiudersi a scatto sulla sua preda. I Drengir, che nella stazione Amaxine sono presenti in un vero e proprio esercito, in passato hanno combattuto delle vere e proprie guerre contro gli stessi Amazine e contro gli antichi Sith. Proprio questi ultimi li hanno confinati nella stazione.

I Drengir sono pericolosissimi perché hanno il potere di manipolare la volontà dei Jedi, similmente a ciò che fanno gli stessi Jedi con il trucco mentale, inoculando nel loro corpo delle tossine. I fusti dei Drengir, poi, si curano da soli, facendo crescere nuovi tessuti per sostituire quelli perduti.

, Nell’Oscurità – Guida al Romanzo, Star Wars Addicted

Queste creature orripilanti impregnano la stazione Amaxine con il lato oscuro. I Jedi, dopo aver sedato i conflitti tra i membri dei vascelli alla deriva che hanno trovato rifugio a bordo della stazione, indagano le origini del lato oscuro sulla stazione. Percepiscono il lato oscuro, però, in maniera sbagliata e identificano degli idoli come loro depositario. Dopo averli portati a Coruscant, però, si rendono conto che gli idoli servivano a trattenere il lato oscuro sulla stazione e che, rimuovendoli, non hanno fatto altro che liberare il lato oscuro stesso, e quindi i Drengir. Dovranno riportarli indietro e combattere duramente i Drengir per poter liberare la stazione.

In definitiva, come gli altri romanzi dell’Alta Repubblica anche Nell’Oscurità è un viaggio che ci mostra come si è creato il mito dei Jedi. Lo viviamo attraverso la prospettiva del giovane Padawan Reath, che deve imparare due importantissime lezioni perché il suo cammino possa dirsi completato (fino a ora, perlomeno). Deve capire che essere Jedi vuole dire prima di ogni cosa sacrificarsi per gli altri, rinunciare a qualsiasi forma di egoismo ed essere perfettamente altruisti. E poi che tra i Jedi non esiste io, ma solo noi. I Jedi tutti mettono noi al primo posto perché agiscono all’unisono.

Il tutto viene raccontato con uno stile narrativo, quello di Claudia Grey, che ha pochi rivali per quanto avvincente e appassionante sia. La maestria con cui disvela pian piano i misteri delle sue storie non ha eguali nei romanzi di Star Wars.

Per tutti i dettagli sull’Alta Repubblica consultate il nostro compendio

Senior Editor

Approfondimenti e editoriali su Star Wars.

Seguici in live, tutti i venerdì alle 21:00!

Ultimi articoli