Prova a vincere una action figures Black Series di Star Wars, grazie al nostro nuovo giveaway. Clicca qui e scopri come partecipare!
Guida al Canone
Questo articolo è una Guida al CanonClicca qui per leggere tutte le nostre guide al materiale canonico.

Le spade laser, le eleganti lame di energia usate dai Jedi, sono ben note per la capacità di penetrare quasi qualsiasi materiale. Esistono, infatti, sostanze in grado di respingere o comunque resistere al calore da loro generato.

Cortosis

Materiali resistenti spade laser, Materiali resistenti alle spade laser – Guida al Canon, Star Wars Addicted
Miniera di cortosis sul pianeta Dinzo

È un minerale molto raro, dall’incredibilmemte elevato grado di assorbimento dell’energia. Grazie ai suoi altrettanto elevati coefficienti di dispersione, un colpo di arma ad energia, quale un proiettile di plasma, viene disperso lungo le fibre, di fatto senza riportare alcun danno.

Tuttavia, è molto fragile; inoltre, un impulso di energia molto potente, o mirato, o ancora prolungato può sovraccaricare la capacità di dispersione del cortosis.

Questo materiale produce un ulteriore effetto, del tutto peculiare, sulle spade laser: il gradiente di energia di una spada laser, più alto in corrispondenza della punta della lama, blocca l’effetto del cortosis. L’energia, però, si riverbera lungo la lama, fino a raggiungere l’elsa, così provocandone un momentaneo spegnimento.

Nel corso delle Guerre del Cloni, Anakin Skywalker con l’aiuto di Padmè Amidala e del Chiss Mitth’raw’nuruodo, scoprì una fabbrica separatista di droidi, la cui intelaiatura era composta da una fitta matrice di cortosis, praticamente invulnerabile ai colpi di blaster.
Darth Sidious avrebbe utilizzato la stessa tecnologia per potenziare le armature dei cloni, così da renderli invincibili per i Jedi, una volta impartito l’Ordine 66.

Nonostante questo pianò fu sventato da Anakin e dai suoi alleati, l’Ordine 66 assicurò il successo quasi completo della Purga dei Jedi.

Beskar

Materiali resistenti spade laser, Materiali resistenti alle spade laser – Guida al Canon, Star Wars Addicted

Conosciuto anche come ferro mandaloriano, il beskar è una lega estremamente resistente. Il beskar puro, oltre a poter respingere colpi blaster, al pari di quello meno raffinato, è capace di resistere ad un colpo diretto di spada laser. Un contatto prolungato, però, può surriscaldarlo ed eventualmente farlo cedere.

Nella antica Guerra tra i Mandaloriani e l’Ordine dei Jedi, l’impiego del metallo per la costruzione di armature a prova, o quasi, di spada laser fu indispensabile per fronteggiare le abilità eccezionali dei Cavalieri Jedi. Non sorprende che i Jedi ebbero gran filo da torcere, considerate le abilità guerriere dei mandaloriani, i loro equipaggiamento e la protezione del raro e costosissimo beskar.

Questa lega ha dimostrato un altro punto debole. La mandaloriana Sabine Wren, al tempo studente presso l’Accademia Imperiale su Mandalore, creò un generatore ad impulsi ARC, chiamato in onore della governante Satine Kryze, la “Duchessa”, che consentiva di surriscaldare solo oggetti contenenti beskar, ivi comprese le armature mandaloriane.

Ai guerrieri mandaloriani che avrebbero manifestato resistenza all’Impero, giá insediatosi sui loro mondi, spettava il destino di morire carbonizzati da quelle stesse armature, simbolo della loro tradizione.

Disperata per ciò che aveva costruito e ripudiata dalla famiglia, per aver denunciato l’Impero ed essersi schierata contro, Sabine abbandonò il sistema di Mandalore , per poi distruggere anni dopo il frutto del suo stesso errore.

Anche Enfys Nest, leader della banda dei Solcanuvole (Cloud Riders), possedeva due scudi retrattili sugli avambracci in beskar.

Le scaglie di Zillo

Materiali resistenti spade laser, Materiali resistenti alle spade laser – Guida al Canon, Star Wars Addicted

La Bestia Zillo è rivestita da scaglie praticamente impenetrabili, persino ad una spada laser, che rendono necessario, per uccidere la creatura, avvelenarla o colpirla dall’interno.

Lo Zillo che attaccò Coruscant fu ucciso, ma il Cancelliere Palpatine ordinò alla Dottoressa Sionver Boll di clonare la creatura, al fine di dotare i cloni di un’armatura impenetrabile, contro cui i Jedi non avrebbero potuto nulla.

Phrik

Materiali resistenti spade laser, Materiali resistenti alle spade laser – Guida al Canon, Star Wars Addicted

Composto metallico molto resistente,quasi indistruttibile, impiegato nell’uso di molte armi.

In particolare, la Baktoid Armour Workshop costruiva le elettrostaffe delle Gran Guardie IG-100, le personali guardie del Generale Grievous e del Conte Dooku, proprio con il phrik, il quale, tra l’altro, è un ottimo conduttore.

Benchè possa frapporsi alle spade laser, un colpo molto forte può spezzare il metallo, come fece Grievous rompendo l’elettrostaffa usata da Obi-Wan Kenobi nel duello combattuto durante la Battaglia di Saleucami.

Anche le spade di Darth Sidious sono in lega di phrik, così come contiene filamenti di phrik la falce di Vicrul, uno dei Cavalieri di Ren.

L’armatura delle Guardie Pretoriane

Materiali resistenti spade laser, Materiali resistenti alle spade laser – Guida al Canon, Star Wars Addicted
Un colpo diretto di spada laser può penetrare l’armatura.

Composta da lamelle a strati, l’armatura è alimentata da un articolato circuito al loro interno che produce un campo localizzato, tale da deviare i colpi delle spade laser, ma vulnerabile ad affondi diretti.

Armi ad energia

Materiali resistenti spade laser, Materiali resistenti alle spade laser – Guida al Canon, Star Wars Addicted

Poichè la lama di una spada laser è da un profilo di energia prolungato, altre forme di energia, o sostanze percorse da esse, possono bloccarla. Scudi deflettori, campi di forza, griglie laser sono impenetrabili persino per le spade laser.

Lo stesso concetto viene applicato ad armi energizzate, spesso impiegati da cacciatori di taglie, nel caso in cui ci si dovesse imbattere in un’erma Jedi.

Per addestramento, Darth Vader si addestrava su Mustafar con droidi muniti di proiettori di fasci di energia concentrata, che producevano piccole “lame”, non potenti quanto una spada laser, ma non per questo meno letali.

Parte dell’arsenale dei Soldati della Purga imperiali era composto proprio da elettrostaffe o bastoni energizzati, per affrontare ad armi pari coloro che erano fuggiti all’epurazione.

Ci saranno altri materiali resistenti alle spade laser? Fateci sapere cosa ne pensate e che la Forza sia con voi!

Vuoi restare aggiornato sulla Galassia Lontana Lontana? Ecco come restare in contatto con Star Wars Addicted!

Seguici sui nostri social: Facebook, Youtube, Twitch e TikTok.
Vieni a parlare di Star Wars con noi sul nostro gruppo Telegram.
Scarica la nostra App per Android dal Google Store.
Visita il nostro Shop: in cambio di un gadget supporterai la nostra community!