C-3PO

C-3PO era un droide protocollare programmato per interagire con gli esseri organici, grazie alla sua conoscenza di oltre sei milioni di forme di comunicazione. Biografia Costruito...
HomeEditorialiThe High Republic: l’introduzione di due personaggi trans no binary ha generato...

Leggi anche

The High Republic: l’introduzione di due personaggi trans no binary ha generato il caos da parte di alcuni fan della saga

Questo articolo è un editoriale. Significa che contiene un'opinione, un parere o un'interpretazione personale dell'autore che può - eventualmente - essere diversa o discordante dalle opinioni del resto della redazione di Star Wars Addicted.

È di ieri l’annuncio dell’uscita della variant cover di The High Republic #6, raffigurante, per il #TransDayOfVisibility, i Jedi Terecdb e Ceretdb, trans no binary. Ovviamente non sono mancate le critiche, su diversi fronti, alla proposizione di nuovi personaggi LGBTQ.

Se, da un lato, la Marvel e Star Wars si sono dichiarati apertamente sostenitori della rappresentazione della comunità trans non binaria nella Galassia Lontana Lontana; dall’altro, sono immediatamente apparse le prime critiche sui social media, alcune volte a rappresentare il timore che i bambini siano in qualche modo “traumatizzati” (non si sa bene da cosa), altre a criticare il progetto dell’”Alta Repubblica”, definito come un contenitore da riempire con messaggi politically correct.

In verità, l’”Alta Repubblica” non fa altro che spalancare le porte all’opportunità. È lo strumento attraverso cui svecchiare la saga laddove ce ne è bisogno e se possibile, perchè no, rappresentare anche altri aspetti della realtà, oltre alle battaglie, alla politica, al divertimento e che fanno capo a individui con i propri vissuti.

Il tutto è reso attraverso la creazione di personaggi nuovi, svincolati dalle aspettative dei fan, che troppo spesso non vedono di buon occhio retcon a volte poco coerenti (tra i quali ci sono anche io), storie e ambienti nuovi. Questi si rivelano strumenti che possono arricchire Star Wars per quello che è: una metafora della vita in ogni sua sfaccettatura.

Alle critiche ad un’immagine rimane ben poco da obiettare, se non chiedersi seriamente, al di là di preconcetti, se veramente l’identità di genere, il sesso o l’orientamento sessuale definiscono un personaggio, o un individuo, come persona.


♦ DIVENTA UN SUPPORTER!

Supporta Star Wars Addicted, elimina le pubblicità e sblocca vantaggi esclusivi! Scopri come qui.

Non dimenticare di restare aggiornato

Per non perdere nessuna notizia su Star Wars seguici su Facebook, Instagram e TikTok.
Raggiungici anche sulla chat Telegram, per chiacchierare con la redazione e tanti altri fan della Saga, e non dimenticare di unirti al Canale ufficiale per ricevere in tempo reale notifiche su news e aggiornamenti!

Supervisor Editor

Appassionato di Star Wars dal 1996, quando mio padre mi regalò il primo Millennium Falcon. Da allora, continuo a seguire tutto ciò che riguarda la Galassia Lontana Lontana, con particolare attenzione al canone.

Supporter

Diventa un Supporter. Scopri come!

Ultimi articoli