Guida al Canone
Questo articolo è una Guida al CanonClicca qui per leggere tutte le nostre guide al materiale canonico.

Sono tra gli esseri più potenti apparsi finora nella Galassia Lontana Lontana, al punto da essere considerati degli dei. Il Padre, la Figlia e il Figlio sono la manifestazione fisica dei tre aspetti della Forza: l’equilibrio, il lato chiaro e quello oscuro.

I tre erano in grado di manipolare la Forza come nessun altro. Tanto erano potenti da non avere una forma definita, ma da assumerne di diverse, così riflettendo la Forza vivente intorno a loro. Erano capaci, comunque, di alterare il loro aspetto a piacimento. Il Figlio e la Figlia potevano trasformarsi in un gargoyle ed un grifone, spesso impiegati come simbolo dei due lati della Forza. Hanno tutti dimostrato di essere sostanzialmente invulnerabili, al punto da poter addirittura stringere fra le mani la lama di una spada laser, senza subire alcun danno. Pochi sapevano della loro esistenza, fra questi Palpatine e il maestro Yoda.

Eppure erano state lasciate nella Galassia tracce della loro esistenza. Il murales “animato” sul Tempio Jedi di Lothal, luogo di accesso per il Mondo tra i Mondi, raffigurava i tre Guardiani e Morai, un convor legato alla Figlia, forse lei stessa, che accompagnò sempre Ahsoka dopo l’incontro con i Guardiani.

Mortis dei Forza, Gli dei di Mortis: i Guardiani della Forza – Guida al Canon, Star Wars Addicted

La loro dimora è Mortis, una vergenza della Forza, da alcuni ritenuto addirittura il luogo in cui la Forza sia nata. Il Padre reggeva l’equilibrio tra gli altri due. Quando si rese conto che il loro potere era così vasto da minacciare le stesse fondamenta dell’universo, e temendo che altri potessero sfruttarli, prese con sé i Figli e li portò su Mortis, dove avrebbero vissuto come anacoreti. Mortis è un luogo, non si sa quanto sia corretto definirlo fisico, in cui la Forza agisce in maniera misteriosa. Al giorno si alterna la notte che porta distruzione. La flora quasi scompare, per poi riapparire e germogliare all’alba, in un ciclo eterno tra opposti e contrari che si bilanciano perennemente.

È proprio il tema dell’equilibrio ad aver interessato il Padre. Sentendo la sua morte vicina e avendo saputo della venuta del prescelto, il Padre attirò Anakin Skywalker, Obi-Wan Kenobi ed Ahsoka Tano nel sistema di Chrelytiumn. Usando un codice Jedi vecchio di 2.000 anni, che insospettì non poco il Gran Maestro Jedi, il Consiglio Jedi li inviò a verificarne la fonte. Dinanzi ad un gigantesco ottaedro Anakin, Ahsoka e Obi-Wan vennero risucchiati da un’apertura nel monolite: un passaggio per Mortis.


Mortis dei Forza, Gli dei di Mortis: i Guardiani della Forza – Guida al Canon, Star Wars Addicted

L’avventura di Mortis come metafora della profezia

Durante il loro soggiorno, il Padre mise alla prova Anakin, per stabilire se fosse effettivamente colui che era destinato a riportare l’equilibrio nella Forza, l’unico a poter dominare i suoi figli. Dinanzi alla minaccia del gargoyle e del grifone, Anakin attinse alla Forza del pianeta, piegandola. Il cielo passava dal giorno alla notte in risposta al potere di Anakin, che riuscì a soggiogare il Figlio e la Figlia. Anakin era il prescelto e il Padre lo informò del suo destino, sostituirlo su Mortis per mantenere l’equilibrio tra i Figli e quindi nella Forza.

Mortis dei Forza, Gli dei di Mortis: i Guardiani della Forza – Guida al Canon, Star Wars Addicted

Ma Anakin rifiutò ed il Figlio cercò di portarlo al lato oscuro, “contaminando” con esso Ahsoka. Nel tentativo di fermare il Fratello, la Sorella ruppe un divieto e mostrò ad Obi-Wan l’Altare di Mortis, nel quale era custodita la Daga, fatta di pura Forza e capace di uccidere i Guardiani. Grazie ad Ahsoka, il Figlio si impadronì della lama e stava per uccidere il Padre, quando la Figlia, incarnazione del lato chiaro e dell’altruismo, si interpose fra i due, rimanendo trafitta dalla Daga. Prima di morire lasciò che Anakin, guidato dal Padre, potesse trasferire la sua ultima essenza vitale nella defunta Ahsoka, uccisa dal Fratello.

Preso dall’ira e dalla sofferenza per la morte dell’amata Sorella, il Fratello si levò in volo, mentre Mortis risentiva della perdita del suo lato chiaro. Il Fratello era l’incarnazione del lato oscuro e delle sue ambiguità, mosso e sconvolto dalle sue passioni, combattuto tra l’amore per i cari e le sue ambizioni. In un ultimo tentativo di portare dalla sua parte il prescelto ed usarlo per uscire dalla prigione di Mortis, mostrò ad Anakin il futuro ed il mostro chi sarebbe diventato. Anakin cedette al lato oscuro per evitare quel destino, ma il Padre gli cancellò la memoria del futuro.

In un ultimo confronto il Padre tese un tranello al Figlio trafiggendosi con la Daga. Poichè il potere del Figlio scorreva attraverso il Padre, con questo ultimo suo gesto rese il Figlio vulnerabile. Sconvolto dal gesto del Padre che pure voleva uccidere, il Figlio lo abbracciò. In quel momento, Anakin ne approfittò per ucciderlo. Con le sue ultime parole, il Padre disse ad Anakin che quello che era accaduto era un riflesso di ciò che sarebbe venuto: il prescelto avrebbe deviato dal suo cammino; il lato chiaro ne avrebbe sofferto; ma infine il lato oscuro sarebbe stato sconfitto riportando l’equilibrio nella Forza.
Mortis dei Forza, Gli dei di Mortis: i Guardiani della Forza – Guida al Canon, Star Wars Addicted Mortis dei Forza, Gli dei di Mortis: i Guardiani della Forza – Guida al Canon, Star Wars Addicted

Il Padre svanì, diventando tutt’uno con la Forza e lasciando i suoi abiti. Avvolti in un bagliore di luce, Anakin Ahsoka e Obi-Wan si ritrovarono sullo shuttle Jedi 634, nel sistema di Chrelytiumn. Rex li informò che avevano perso il segnale solo per pochi secondi, mentre il monolite era scomparso.

Cosa ne pensate? Fatecelo sapere e che la Forza sia con voi.

Vuoi restare aggiornato sulla Galassia Lontana Lontana? Ecco come restare in contatto con Star Wars Addicted!

Seguici sui nostri social: Facebook, Youtube, Twitch e TikTok.
Vieni a parlare di Star Wars con noi sul nostro gruppo Telegram.
Scarica la nostra App per Android dal Google Store.
Visita il nostro Shop: in cambio di un gadget supporterai la nostra community!