Tarre Vizsla

Tarre Vizsla fu il primo e unico mandaloriano ad entrare nell'Ordine Jedi. Forgiò la spada oscura, reliquia sacra ai mandaloriani che determina chi ha...
HomeApprofondimentiI Signori Oscuri dei Sith: Tulak Hord, Signore dell'Odio - Guida al...

Leggi anche

I Signori Oscuri dei Sith: Tulak Hord, Signore dell’Odio – Guida al Legends

Questo articolo è una Guida al LegendsClicca qui per leggere tutte le nostre guide al materiale legends.

Poco si conosce riguardo le origini di uno dei più potenti Sith della storia di Star Wars, eppure Tulak Hord, introdotto narrativamente grazie ai capolavori KOTOR I e KOTOR II e sviluppato grazie a SWTOR, ha attirato negli anni successivi le attenzioni dei fan e degli appassionati del Lore. Khem Val, il fidato servitore Dashade di Hord, divenuto compagno di mille battaglie dopo essere stato sconfitto in duello sul suo pianeta natale Urkupp, ebbe a dire di lui:

I Signori Oscuri dei Sith: Tulak Hord, Signore dell’Odio – Guida al Legends, Star Wars Addicted
Illustrazione amatoriale 3D raffigurante Tulak Hord con elmo e armatura

“Su Yn, i Jedi assediarono una fortezza imperiale. Tulak Hord ruppe l’assedio da solo! E successivamente continuò l’avanzata sul pianeta occupato di Chabosh, non lasciando altro che sangue Jedi sulla sua scia. Non mi è mai mancata Forza da consumare in quei giorni”

I Signori Oscuri dei Sith: Tulak Hord, Signore dell’Odio – Guida al Legends, Star Wars Addicted
Bozzetto per SWTOR raffigurante Khem Val

Già, perché il Dashade alleato di Hord era noto per banchettare sui suoi nemici, drenandoli dei loro poteri e cibandosi delle loro membra. Tulak Hord visse in un momento aureo della storia dei Sith, fra l’arrivo degli esuli della battaglia di Corbos avvenuta nel 6900 BBY e i secoli precedenti ad una data che si aggira attorno al 5600 BBY. In quegli anni di espansione e costruzione del primigenio Impero Sith, un crogiuolo fra umani e purosangue in cui i primi erano visti come potentissime divinità, Hord si fece subito strada grazie alle sue straordinarie capacità con la spada.

I Signori Oscuri dei Sith: Tulak Hord, Signore dell’Odio – Guida al Legends, Star Wars Addicted
Illustrazione amatoriale raffigurante Tulak Hord e Khem Val accerchiati da alcuni k’lor’slugs su Korriban

Egli fu infatti uno dei Sith umani ad utilizzare assiduamente una lama laser – di colore arancione – anziché una delle celebri armi cerimoniali che saranno tanto care a Naga Sadow e Ludo Kressh. Questo importantissimo artefatto da battaglia venne scoperto da Darth Marr su Dromund Fels, poco tempo prima di ottenere un posto nel Consiglio Oscuro dell’Imperatore Sith. Tanto era potente nel combattimento che più di due millenni dopo la sua morte Kreia, accompagnando Meetra Surik innanzi alla sua tomba, ebbe a dire di lui:

I Signori Oscuri dei Sith: Tulak Hord, Signore dell’Odio – Guida al Legends, Star Wars Addicted
La tomba di Tulak Hord come comparve agli occhi di Meetra Surki e Kreia durante il loro viaggo su Korriban. La statua che troneggia sopra l’ingresso si pensa possa raffigurare una versione stilizzata del Signore Oscuro

“Questa era la tomba di Tulak Hord, noto per essere il più grande duellista con la spada laser dei Signori dei Sith. La sua abilità era considerata notevole persino ai suoi tempi, quando vivevano molti grandi maestri della spada laser. Se tu avessi dovuto affrontare un antico Signore dei Sith in combattimento, avresti imparato che siamo come bambini che si trastullano con giocattoli se comparati alla prodezza dei passati Maestri”

I Signori Oscuri dei Sith: Tulak Hord, Signore dell’Odio – Guida al Legends, Star Wars Addicted
Lo spirito di Aloysius Kallig all’interno della sua tomba su Dromund Kaas

Le campagne di Hord e del suo fido Khem Val portarono alla conquista di numerosi mondi. Fu in questo periodo che Aloysius Kallig – antenato di Darth Nox del Consiglio Oscuro – dopo aver sconfitto un generale di Hord – che lo aveva precedentemente rifiutato fra i suoi – entrerà a far parte dell’armata spedizionaria. Tuttavia, una volta divenuto troppo potente e popolare, non esitò a farlo assassinare.

I Signori Oscuri dei Sith: Tulak Hord, Signore dell’Odio – Guida al Legends, Star Wars Addicted
Alcuni bozzetti realizzati per l’espansione di SWTOR: “Shadow of Revan”

Con il passare del tempo ottenne i titoli di: “Signore dell’Odio”, “Maestro dell’Oscurità Radunata” ed infine di Signore Oscuro dei Sith, forte della conquista dell’intero Sistema di Dromund e – così si crede – di circa un migliaio di altri pianeti.

I Signori Oscuri dei Sith: Tulak Hord, Signore dell’Odio – Guida al Legends, Star Wars Addicted
Bozzetto con scorcio di Dromund Kaas, pianeta principale nel sistema di Dromund che fu conquistato nella sua interezza da Tulak Hord

Dedicandosi sempre di più alla magia e alle arti oscure dei Sith, Tulak Hord creerà il suo personale holocron e costruirà un potente artefatto noto come “Motore Rosso”, un misterioso artefatto che poteva azionarsi solo con l’uso di sangue ed odio da parte del fruitore e che conteneva alcuni importanti insegnamenti del Signore Oscuro.

I Signori Oscuri dei Sith: Tulak Hord, Signore dell’Odio – Guida al Legends, Star Wars Addicted
Il “Red Engine” o Motore Rosso, il potente artefatto costruito da Tulak Hord e conservato nella sua tomba

Dopo aver trasmesso molto del suo sapere all’apprendista Ortan Cela ed aver sospeso il suo prezioso alleato Khem Val in una camera di stati all’interno di un complesso che diverrà poi parte della tomba di Naga Sadow, Hord venne tradito da Cela stessa, come nella migliore tradizione Sith. Colpito alla schiena, le sue ultime forze furono consumate dal servo Dashade della sua apprendista, Veshikk Urk.

I Signori Oscuri dei Sith: Tulak Hord, Signore dell’Odio – Guida al Legends, Star Wars Addicted
Altro ingresso della tomba di Tulak Hord comparso in SWTOR

Ciononostante, i suoi resti mortali e la sua celebre maschera trovarono ultima destinazione in una grandiosa tomba costruita dai suoi molti seguaci nella Valle dei Signori Oscuri su Korriban. Questo complesso funebre divenne nei secoli successivi un luogo di ricerca per molti Jedi avventurosi, accoliti dell’Accademia Sith e incauti razziatori di tesori. Il suo spirito – o per lo meno una parte di esso – venne spesso visto vagare per le grotte di Yavin IV, un pianeta che certamente il Signore Oscuro conosceva ed aveva visitato più volte.

I Signori Oscuri dei Sith: Tulak Hord, Signore dell’Odio – Guida al Legends, Star Wars Addicted
Spirito di Tulak Hord nelle grotte di Yavin IV, come compare nel MMORPG SWTOR

Se volete sapere di più sulla storia e i misteri di Tulak Hord, non vi resta che dedicarvi ai due capitoli di KOTOR e al MMORPG SWTOR.


♦ DIVENTA UN SUPPORTER!

Supporta Star Wars Addicted, elimina le pubblicità e sblocca vantaggi esclusivi! Scopri come qui.

Non dimenticare di restare aggiornato

Per non perdere nessuna notizia su Star Wars seguici su Facebook, Instagram e TikTok.
Raggiungici anche sulla chat Telegram, per chiacchierare con la redazione e tanti altri fan della Saga, e non dimenticare di unirti al Canale ufficiale per ricevere in tempo reale notifiche su news e aggiornamenti!

Nato a Roma l’8 settembre del 1991. Dottore in Scienze Archeologiche e giornalista, è da sempre un grande appassionato di Star Wars, con particolare predilezione per le narrazioni legate all’Età d’Oro dei Sith, alla Vecchia Repubblica e a tutto il materiale riguardante l’Universo Espanso, di cui è un forte sostenitore ed ammiratore.

Supporter

Diventa un Supporter. Scopri come!

Ultimi articoli