Guida al Canone
Questo articolo è una Guida al CanonClicca qui per leggere tutte le nostre guide al materiale canonico.

Una delle più piacevoli sorprese regalate dalla seconda stagione di The Mandalorian è stata la comparsa di Bo-Katan Kryze, personaggio ideato per The Clone Wars e poi apparso in Rebels. La vita della mandaloriana ci dà l’opportunità di vedere quanto sia sfaccettata la societá di Mandalore.

Bo-Katan era la sorella di Satine Kryze, Duchessa di Mandalore, leader dei Nuovi Mandaloriani. Questa fazione era uscita vincitrice dalla Prima Guerra Civile Mandaloriana, che devastò il pianeta in quella landa deserta che é ora, costringendo le popolazioni a rifugiarsi in cittá costruite all’interno di cupole di metallo. I mandaloriani sono noti in tutta la galassia per il loro essere belligerante. Sono un popolo fiero, dedito all’arte del combattimento e della guerra, alla conquista e all’affermazione del più forte. Sono tra i migliori guerrieri della galassia, che idolatrano qualsiasi tipo di arma, in particolare, quelle forgiate nel beskar, l’acciaio mandaloriano, capace di disperdere i colpi di blaster e addirittura, nel suo stato più puro, resistere ad un fendente di spada laser. In passato, i mandaloriani dichiararono guerra ai Jedi, difensori della pace nella Galassia. Di questo antico conflitto rimasero moltissime tracce, tra cui un affresco nella sala del trono su Sundari, ai tempi delle Guerre dei Cloni.

I Nuovi Mandaloriani, poco più di un decennio prima della nascita dell’Impero, si propugnarono di rompere con il passato guerrafondaio, tipico della tradizione di Mandalore, per farsi promotori della pace e della non violenza. Saliti al potere, i gruppi più tradizionalisti furono esiliati sulla luna di Concordia, dove venne fondato il gruppo terrorista della Ronda della Morte, guidata da Pre Vizsla.

Membro della Ronda della Morte

La Ronda mirava a rovesciare il governo dei Nuovi Mandaloriani, attraverso attacchi terroristici e cercando di assassinare la Duchessa. Nel corso del conflitto tra Repubblica ed Alleanza Separatista, Bo-Katan, a capo dei “Gufi della Notte“, si unì alla Ronda, divenendo uno dei più fidati luogotenenti di Pre Vizsla. É in questo periodo che Bo incontrò per la prima volta una giovane Padawan di nome Ahsoka Tano, con cui duellò dopo uno scontro fra la Jedi ed il suo capo.

Non sappiamo se effettivamente condividesse con il resto della Ronda il piano di uccidere la sorella, anche se, visto l’attaccamento a lei dimostrato, é probabile che intendesse semplicemente rimuoverla dal trono, per restaurare le antiche tradizioni di Mandalore. Non a caso, durante il colpo di stato pianificato Pre Vizsla, in combutta con gli Zabrak Maul e Savage Opress, la Duchessa fu solo catturata ed imprigionata. Bo-Katan non era affatto entusiasta dell’alleanza con i pretendenti Signori dei Sith, forse memore della loro somiglianza con i Jedi, tanto da manifestare apertamente la sua contrarietà ad una coalizione. La sua diffidenza non era affatto infondata. Quando Maul sfidò Pre Vizsla per il comando, Bo non poté che assistere scioccata mentre il suo capo sconfitto veniva ucciso da Maul. Reclamata la spada oscura come trofeo e simbolo del nuovo capo, il nuovo Mand’alor nella lingua mandaloriana Mando’a, Maul reclamò il trono. Si verificò una nuova rottura tra coloro che rispettavano le regole della sfida e coloro che come Bo-Katan non avrebbero accettato che un non Mandaloriano, né per nascita né per adozione, governasse Mandalore. Scoppiò così la Seconda Guerra Mandaloriana.

Leader della resistenza mandaloriana

L’odio per Maul crebbe e la guerra divenne un fatto anche personale, specie dopo la morte di Satine. Bo-Katan chiese perfino aiuto ad una sua vecchia rivale, Ahsoka Tano. Con l’aiutò della Jedi e della 332esima Compagnia guidata dal, al tempo, seppure per poco, Comandante Rex, la resistenza mandaloriana riuscì a sconfiggere e catturare Maul. Bo-Katan fu nominata nuova reggente di Mandalore.

L’avventò dell’Impero cambiò tutto. Bo-Katan rifiutò di allearsi con Palpatine ed il Casato Saxon la tradì. Gar Saxon, ex tenente di Maul ed ora Mano dell’Imperatore, mise al servizio di Palpatine la forza dei suoi super commando. Ciò nonostante, Bo-Katan non si arrese e trovò nella cellula ribelle Phoenix un nuovo alleato: Sabine Wren del Clan Wren, Casata Vizsla (figlia dell’amica e membro della Ronda, la Contessa Ursa Wren di Crownest). Sabine ritrovò nel covo di Maul su Dathomir la spada oscura e la vinse in duello a Gar Saxon. Sabine era stata, però, la creatrice della “Duchessa“, un generatore ad impulsi arc costruito per l’Impero durante gli anni dell’Accademia Imperiale. L’arma era in grado di surriscaldare il beskar delle armature fino a vaporizzare il portatore, lasciando tuttavia integri i soldati imperiali. Bo era inorridita dalla costruzione di un’arma così codarda, che non rispecchiava affatto lo stile mandaloriano, ma nel vedere Sabine sinceramente pentita per l’errore commesso e desiderosa di rimediare, aiutò la ragazza a distruggere l’arma.

In questo frangente i vari Clan, tra cui il Clan Rook, il Clan Kryze, i Protettori, il Clan Wren ed il Clan Eldar, accettarono Lady Bo-Katan Kryze come nuova Mand’alor. Bo, un tempo restia ad accettare la spada oscura che non aveva conquistato, la reclamò infine. Non abbiamo una spiegazione canonica del perché l’abbia presa con sé, nonostante la tradizione mandaloriana, scrupolosamente osservata da Bo-Katan, imponesse che dovesse essere conquistata sconfiggendo il portatore. Non va tuttavia trascurato che la ragione dell’importanza della spada sta nell’essere riconosciuta quale simbolo del capo di Mandalore e nel rappresentare l’unità dei Clan. Poiché questi avevano giurato fedeltà a Bo-Katan, è possibile ritenerla l’unica legittimata ad impugnarla.

Nemica dell’Impero

L’impero non sopportò a lungo l’affronto di Mandalore e, con la Terza Guerra Civile Mandaloriana, Bo perse la spada che finì nelle mani del Moff Gideon durante la Grande Purga. I mandaloriani abbandonarono il loro pianeta e Bo si diede alla macchia con alcuni fedeli compagni, Axe Woves e Koska Reeves, arsa dal desiderio di recuperare la spada. Tempo dopo, sulla luna di Trask, Bo incontrò il mandaloriano Din Djarin. Quest’ultimo era rimasto sorpreso di come Bo ed i suoi compagni mostrassero il volto davanti ad altri esseri senzienti, cosa vietata da chi come lui seguiva la Via di Mandalore. Bo riconobbe così in lui un trovatello, uno dei Figli della Ronda, per lo più orfani indottrinati dalla Ronda nel Credo. Sebbene Bo fosse estremamente rispettosa delle tradizioni mandaloriane, questa non era da lei osservata, dimostrando come il credo di questi guerrieri avesse più sfumature. Il tutto è reso ancor più curioso dall’appartenenza iniziale di Bo alla Ronda. È probabile che anche all’interno della Ronda della Morte vi fossero diverse correnti di pensiero sulle antiche vie da seguire. In ogni caso, Bo decise di aiutare il Mandaloriano a trovare un Jedi per addestrare il piccolo Grogu, in cambio del suo aiuto per rubare armi imperiali al fine di riconquistare Mandalore. Nel corso della missione Bo, colta l’opportunità di scovare Gideon e ritrovare la spada oscura, cambiò i termini dell’accordo. A missione riuscita i due svilupparono un reciproco rispetto. In seguito Din chiese il suo aiuto per recuperare Grogu catturato da Gideon. Bo accettò, a patto che potesse affrontare da sola il Moff. Ma le cose non andarono come previsto e Din conquistò la spada oscura. Benché il Mandaloriano volesse cedergliela, Bo-Katan non poteva accettare la spada oscura, non essendo stata consegnata a lei su volere di tutti i Clan, né avendola sottratta al legittimo possessore.

Non sappiamo cosa ne sia stato succesivamente di Bo e della spada oscura. Nel 2022, con la terza stagione di The Mandalorian, sicuramente alcune domande troveranno risposta.

Nell’attesa, fateci sapere cosa pensate di questo controverso personaggio e che la Forza sia con voi!

Avatar

Appassionato di Star Wars dal 1996, quando mio padre mi regalò il primo Millenium Falcon. Da allora, continuo a seguire tutto ciò che riguarda la Galassia Lontana Lontana, con particolare attenzione al canone.


Star Wars Addicted consiglia...

La Luna del Colosso