Parlando a QG Magazine della sua partecipazione al movimento Black Lives Matter, John Boyega (Finn nella trilogia sequel) ha dichiaratamente accusato Disney di aver sfruttato il suo personaggio, pubblicizzandolo come importante solo per il suo colore, e averlo poi successivamente messo da parte.

è difficile da gestire. Ti lasci coinvolgere in progetti dove non ti piacerà necessariamente tutto. Quello che direi alla Disney è di non tirare fuori un personaggio nero e commercializzarlo facendolo sembrare importante nel franchise e poi metterlo da parte. Non va bene, e lo dico schiettamente.

Boyega accusa Disney anche di aver avuto le idee chiare fin dall’inizio per quanto riguarda i personaggi di Daisy Ridley e Adam Driver, ma di aver sfruttato solo l’etnia di altri attori, come Kelly Marie Tran (Rose).

Sapevano cosa fare con Daisy Ridley e con Adam Driver. Sapevano cosa fare con queste persone, ma quando si è trattato di Kelly Marie Tran e di John Boyega, hanno mandato tutto a farsi fottere. Quello che vogliono che io dica è: mi è piaciuto farne parte, è stata una grande esperienza. No, no, no. 

Le parole di Boyega sono molto dure, e probabilmente rappresentano una rottura definitiva con Disney, Lucasfilm e più in generale il brand di Star Wars.


Questo articolo è distribuito sotto licenza Creative Commons: vietata la riproduzione priva di menzione di paternità adeguata, a scopi commerciali o per opere derivate.