La Spada Laser è uno degli elementi più iconici di Star Wars. Finalmente, avremo una guida visiva completa di tutte le spade laser che si sono viste in Star Wars con illustrazioni dettagliate e informazioni sulla genesi di ciascuna delle spade. La guida comprenderà spade dei film, delle serie animate, delle serie tv e dei videogiochi.

Sarà disponibile dal 20 ottobre 2020 tramite Amazon anche se per ora è prevista solo in lingua inglese. Pubblicata da Insight Editions, sarà composta da 154 pagine e costerà $ 29.99. L’autore è Daniel Wallace.

Ecco come viene presentata nella descrizione ufficiale: “Viaggia verso la galassia lontana lontana con questa guida completa delle iconiche spade laser della galassia di Star Wars.

Dall’iconica spada laser di Luke Skywalker alla temibile impugnatura a doppia lama di Darth Maul all’esclusivo design a guardia crociata di Kylo Ren, non c’è altra arma più affascinante in Star Wars delle spade laser

Star Wars: The Lightsaber Collection è una guida visiva completa che esplora le numerose spade laser presenti nella galassia di Star Wars, provenienti dai film, dalle serie animate, dai fumetti e dai videogiochi.

Presenta un’illustrazione dettagliata di ogni spada laser, che consente ai lettori di vedere i dettagli intricati delle else e la brillantezza di ogni lama, nonché informazioni sulla costruzione e aneddoti dallo staff cinematografico sul processo creativo di ogni arma.

Questo sorprendente libro è un must per i fan che vogliono scoprire di più sulle leggendarie spade laser e sui guerrieri che le hanno impugnate”.

Le Spade Laser si dividono in convenzionali e non convenzionali. Ogni spada laser ha un legame unico e profondo con il suo proprietario. La Forza stessa guida la sua costruzione e la sua progettazione. Il colore della lama è determinato da un cristallo Kyber che nasce trasparente e assume poi una tinta quando viene “risvegliato” da un essere che percepisce la Forza.

Le spade con lama blu sono state usate da innumerevoli Jedi per millenni. Obi-Wan Kenobi ne ha avute tre: la prima viene distrutta da Darth Maul, e la seconda va persa su Geonosis, ma la terza lo accompagna durante tutte le Guerre dei Cloni, e nel duello finale con Darth Vader.

La prima spada laser di Luke Skywalker è un lascito di suo padre, Anakin Skywalker. Quando quella spada va persa nel duello con Darth Vader su Cloud City Luke deve costruirne una nuova. La sua spada laser ha una brillante lama verde, come quelle di Qui-Gon Jinn e Yoda.

L’elsa di ciascuna spada laser differisce dalle altre. Solitamente si compongono di un proiettore della lama a energia, di un’impugnatura che può essere zigrinata, del pulsante di attivazione e dell’alloggiamento della cella energetica.

Il Conte Dooku ha perfezionato la sua tecnica con la spada laser come Cavaliere Jedi prima di passare al Lato Oscuro. È un raffinato spadaccino, che alla forza bruta preferisce velocità, abilità e mosse fluide. L’impugnatura curva della sua spada è perfetta per questo stile di combattimento. Dooku insegna questa tecnica alla sua apprendista, Asajj Ventress, sebbene la Zabrak non sia dotata della sua stessa eleganza.

Spada Laser del Conte Dooku

La più famosa fra le spade laser non convenzionali è la Spada Oscura. Pre Vizsla, leader della fazione mandaloriana la Ronda della Morte, acquisisce la spada laser dalla lama nera, che diventa il simbolo del suo potere. Darth Maul la prende a Viszsla durante un duello. Poi la riporta sul suo pianeta, Dathomir, dove in seguito viene ritrovata da Sabine Wren. Come sappiamo, finirà nelle mani del Moff Gideon.

Una spada laser-blaster non convenzionale è quella di Ezra Bridger. Con l’aiuto del Maestro Yoda in versione Fantasma della Forza, Ezra trova un cristallo Kyber in un tempio Jedi di Lothal con cui costruisce questa spada utilizzando pezzi che l’equipaggio dello Spettro gli ha regalato. Quando Vader distrugge la spada, Ezra ne costruisce un’altra più tradizionale.

Spada Laser-blaster di Ezra Bridger

Le Shoto sono mini-spade laser usate da Jedi minuti, come il Maestro Yoda. Altri, come Ahsoka Tano, le usano insieme a spade laser più grandi: qualcosa di analogo al combattimento con spada e pugnale.

La più famosa spada laser non convenzionale è quella che Kylo Ren costruisce utilizzando un modello che ha migliaia di anni, originariamente usato durante il Grande Flagello di Malachor. Le lame laterali secondarie fungono da sfiatatoi per la lama principale. La grezza arma di Kylo utilizza un cristallo Kyber incrinato, cosa che conferisce alle lame un aspetto frastagliato e instabile.

Spada Laser a Guardia Crociata di Kylo Ren

Savage Opress brandisce una spada laser con guardie protettive del proiettore simili a lame che ricordano quelle del Conte Dooku, ma anche le lame dell’ascia che Opress possedeva un tempo. Le Guardie del Tempio dei Jedi proteggono l’edificio con spade laser a doppia lama gialla. E anche la spada laser gialla di Rey potrebbe essere a doppia lama, proprio come il bastone con cui era solita difendersi su Jakku.

Ma c’è anche la Spada Laser di Dark Rey: grottesca e oscura, questa spada laser è capace di chiudersi su sé stessa e diventare una bi-lama, oppure stendersi come quella di Darth Maul.

Spada Laser di Dark Rey

Elegante e nobile, questa spada rispecchia perfettamente lo spirito di Leia Organa. La nostra principessa sarebbe diventata senza dubbio un potente jedi, se le sue oscure visioni non l’avessero fatta desistere dall’impresa.

Spada di Leia

La spada laser non convenzionale più affascinante è probabilmente quella di Asajj Ventress, la quale è stata addestrata dal Conte Dooku a combattere in due modi: con due spade laser separate o con entrambe unite in un’unica spada a doppia lama.

Spada Laser di Asajj Ventress

Questo articolo è distribuito sotto licenza Creative Commons: vietata la riproduzione priva di menzione di paternità adeguata, a scopi commerciali o per opere derivate.