Da quando Ragtag, il progetto Visceral Games, è stato cancellato, una serie di eventi ha colpito i progetti Star Wars in casa Electronic Arts. Ragtag, titolo sotto la direzione di Amy Hennig, da avventura lineare si era trasformato in un gioco open world dopo la chiusura di Visceral e rinominato Orca da EA Vancouver.

Vancouver, però, dovette assistere ad un ulteriore chiusura del progetto. Si passò così ad un terzo titolo meno ambizioso, che sarebbe tutt’ora previsto per la fine del 2020, in concomitanza con l’uscita della nuove console.

Secondo Jason Schreier di Kotaku -giornalista molto noto ed affidabile- ci sarebbe stato un terzo gioco in sviluppo, anche questo infine abbandonato da EA per ragioni di tempo. Viking, questo il nome in codice, sarebbe dovuto essere uno spin off della serie Battlefront, con elementi open world e fortemente centrato su storia e personaggi. I lavori sarebbero stati affidati a Criterion, lo stesso studio ad aver lavorato su Need for speed e Burnout e alla modalità Caccia Stellari di Star Wars Battlefront II.

A quanto pare, quindi, la direzione di Electronic Arts continua a faticare nella gestione del marchio Star Wars. E’ tuttavia vero, però, che il recente successo commerciale e di critica di Jedi: Fallen Order (il cui sequel è già in sviluppo) potrebbe aver portato una ventata d’aria fresca ai dirigenti della software house, aiutandoli a schiarirsi le idee. Non ci resta dunque che attendere fiduciosi nei prossimi progetti, tra cui questa produzione apparentemente ‘minore’ di EA Vancouver che, però, proprio per una pressione più leggera, potrebbe rivelarsi più interessante di quanto potremmo aspettarci.

Intanto, vi rimando a recenti rumor su un possibile nuovo Knights of the Old Republic ed un gioco, invece, in esclusiva per Nintendo Switch, ulteriore carne al fuoco che non vediamo l’ora di assaporare, nel caso si rivelasse vera.


Questo articolo è distribuito sotto licenza Creative Commons: vietata la riproduzione priva di menzione di paternità adeguata, a scopi commerciali o per opere derivate.