Jake Lloyd aveva solo sei anni quando partecipò all’audizione per il ruolo di Anakin Skywalker, nel primo capitolo della trilogia prequel: la Minaccia Fantasma.
Sebbene il film fu un vero successo al botteghino, il fandom di Star Wars non lo accettò mai del tutto (se non in tempi recenti), travolgendo di critiche non solo la pellicola, ma persino gli attori che vi presero parte.

Jake Lloyd fu vittima di bullismo e aspre critiche che ne condizionarono l’acerba carriera di attore, mai realmente avviata. Dopo La Minaccia Fantasma, infatti, del giovane attore sparì ogni traccia fino al 17 Giugno 2015, quando venne arrestato in Carolina del Sud per guida spericolata senza patente e resistenza all’arresto.

Successivamente Lloyd venne ricoverato in una struttura psichiatrica dove gli venne diagnosticata la schizofrenia. Alla malattia si aggiunse anche una tragedia familiare: il 16 luglio 2018 perse sua sorella Madison, di soli 26 anni.

Da quel momento in poi Jake ha cercato di vivere una vita tranquilla, lontana dai riflettori e circondato dagli affetti della famiglia. Proprio sua madre, Lisa Lloyd, ha recentemente rilasciato una dichiarazione in merito allo stato di salute di suo figlio.

Vorremmo ringraziare tutti per le parole gentili, il supporto e la buona volontà. A Jake è stata diagnosticata la schizofrenia paranoica, ma sfortunatamente anche un sintomo chiamato anosognosia che causa una mancanza di comprensione della sua malattia. Ciò si aggiunge alla lotta che deve affrontare, diventata molto difficile dopo la tragica perdita di sua sorella, Madison. E’ vicino alla sua famiglia e stiamo lavorando sodo per aiutarlo. E’ ancora una persona gentile e premurosa. Jake continuerà a fare progressi con l’amore e il supporto che continuate a dimostrargli.

Nonostante sia comparso solo in un film della Saga, Jake Lloyd godrà sempre dell’affetto del fandom che, in tempi recenti, è finalmente riuscito a scrollarsi di dosso l’odio immotivato per il giovane attore che, per noi, sarà sempre il piccolo Ani.


Questo articolo è distribuito sotto licenza Creative Commons: vietata la riproduzione priva di menzione di paternità adeguata, a scopi commerciali o per opere derivate.