La prima visione di un nuovo film o contenuto di Star Wars spesso induce, soprattutto in chi non ha voluto approfondire le opere collaterali, a pensare che ci sia qualcosa di incoerente o, peggio ancora, di incompatibile rispetto a concetti o contenuti di altre opere canoniche. In altre parole, che un nuovo contenuto canonico smentisca un precedente contenuto canonico, il che è la cosa peggiore che può capitare in un’opera di Star Wars.

Spesso, però, ciò che riteniamo incoerente, a un’attenta analisi della “lore” di Star Wars, non è tale. Io stesso ho pensato erroneamente che l’Addestramento di Leia, così per come l’abbiamo visto ne L’Ascesa di Skywalker, fosse in contraddizione con il Canone, ma le cose non stanno proprio così. Ecco, quindi, 2 punti in cui il Canone di Star Wars sembra in contraddizione, ma poi in realtà non si smentisce, e 2 in cui si smentisce in maniera più o meno aperta. Anzi, in un caso proprio spudoratamente.

1 – Addestramento di Leia

Con L’Ascesa di Skyalker abbiamo appreso che Leia è stata addestrata da Luke nelle vie della Forza e che addirittura ha forgiato una spada laser. Questo sembra in contraddizione con alcuni romanzi come Aftermath Debito di Vita e Star Wars Bloodline, canonici, dove è stato detto che Leia non ha perseguito la strada dei Jedi perché troppo impegnata con le questioni della politica e con la fondazione e l’amministrazione della Resistenza.

In realtà, il Canone parla chiaro. Leia è stata la prima padawan di Luke nella nuova Accademia Jedi da lui fondata per ristabilire l’Ordine dei Jedi dopo i fatti dell’Episodio VI. Leia inizia l’addestramento, forgia la sua spada laser, ma non completa il suo percorso per diventare una Jedi. Preferisce dedicarsi alla politica e alla famiglia, anche perché percepisce che il suo perseguire la strada dei Jedi avrebbe messo in pericolo il piccolo che porta in grembo.

Tutto questo è chiaro nella visione di Rian Johnson, ed è rimarcato da Pablo Hidalgo, a capo della Lucasfilm Story Group, nel Visual Dictionary de Gli Ultimi Jedi. I due romanzi prima citati, realizzati sotto la supervisione dello stesso Johnson, in particolare Bloodline, non si soffermano su questo addestramento, ma non lo smentiscono. Si limitano a dire che Leia può padroneggiare i poteri della Forza, anche se non ha completato l’Addestramento Jedi, perché è stata a fianco di Luke, ha ascoltato i suoi racconti e vissuto molte esperienze di guerra: questo, in abbinamento ai tanti midi-chlorian che ha in sé, come Luke e il padre Anakin, è sufficiente per permetterle di gestire poteri della Forza anche molto consistenti.

2 – “Lei era… Molto bella. Dolce, ma… Triste”

Sono parole estratte dal dialogo tra Luke e Leia ne Il Ritorno dello Jedi, quando il primo chiede alla seconda se rammenta la madre. Questa è stata considerata una contraddizione molto importante nel Canone di Star Wars per anni, ma in realtà c’è una storia che pone rimedio a questa apparente incompatibilità. Ci riferiamo all’albo speciale Star Wars Adventures Annual 2019, canonico, al cui interno si trova una storia intitolata So Much More.

Breha Organa parla con la figlia adottiva Leia, ancora molto giovane. Le due si trovano in un giardino in cui è stata sistemata una statua di Padmé. “Leia, amore, so che sei troppo giovane per capire tutto questo… per ricordare, anche” le dice Breha. “Ma voglio che ti rimanga impressa questa immagine, questa sensazione. Quella scintilla – la scintilla. La hai anche tu!”.

Successivamente, tutto questo è stato ulteriormente ribadito in alcuni fumetti Marvel, in cui Leia “riconosce” la sua madre biologica in un dipinto raffigurante proprio Padmé. Possiamo dire che Leia ha visioni della Forza che numerose volte l’hanno messa di fronte all’aspetto fisico della moglie di Anakin Skywalker, sua madre. Ha sempre saputo che quella donna è molto importante per lei.

3 – “Non ricordo di aver mai posseduto un droide”

Questa è la contraddizione più gratuita dell’immaginario di Star Wars e, per quello che conosco della “galassia lontana lontana”, l’unica vera contraddizione a cui non è possibile porre rimedio con una storia successiva. Ci riferiamo ovviamente al primo contatto tra Ben Kenobi e R2D2 in Una Nuova Speranza. Ben non lo riconosce e proferisce quelle parole verso Luke, nonostante abbia condotto intere campagne militari con R2D2 nell’epoca delle Guerre dei Cloni e abbia un droide personale montato sul suo caccia Jedi. Curioso, inoltre, che la contraddizione avvenga tra film in mano alla stessa persona, George Lucas, mentre come ben sappiamo quasi tutti gli altri contenuti sono stati affidati ad autori sempre diversi (per quanto siano sotto il controllo del Lucasfilm Story Group).

Per quanto i droidi di Star Wars siano stati volutamente interpretati come personaggi a tuttotondo e umanizzati, all’interno della storia sembrano spesso essere non più importanti di un elettrodomestico. Questo non può valere per R2D2, che è quasi sempre riconosciuto da tutti i personaggi, proprio perché ha salvato molte vite, anche ad alcuni di loro, ed è famosissimo nella galassia. A maggior ragione non può essere ritenuto coerente nel rapporto con Kenobi, con cui ha condiviso tantissimo durante le Guerre dei Cloni.

4 – “Chi sei tu?”

Non è una vera e propria contraddizione, ma questa scena è l’indizio più evidente all’interno dei film che Disney ha cambiato i piani sulla nuova trilogia rispetto a ciò che era stato programmato inizialmente, perché ha voluto reintrodurre Palpatine come “main villain”. Mi riferisco, nello specifico, alla scena in cui Luke incontra Rey per la prima volta su Ahch-To. È troppo convincente il fatto che lui non solo non la conosca ma che non abbia neanche mai sentito parlare di lei.

Mark Hamill recita come se il suo personaggio effettivamente non sappia chi si trova di fronte. “Che c’è di speciale in te… da dove vieni?” “Dal nulla.” “Nessuno viene dal nulla.” “Da Jakku.” “D’accordo, allora diciamo dal nulla.” È il dialogo successivo, mentre ne L’Ascesa di Skywalker si dice chiaramente che sia Luke che Leia hanno sempre conosciuto l’identità di Rey.

Su quest’ultimo punto trovate un approfondimento qui.


Questo articolo è distribuito sotto licenza Creative Commons: vietata la riproduzione priva di menzione di paternità adeguata, a scopi commerciali o per opere derivate.