Rick Famuyiwa torna alla regia di The Mandalorian, in questo episodio dalle dinamiche forse già viste altrove, ma comunque capaci di intrattenere e divertire.

Il viaggio del nostro protagonista porta la Razor Crest e il suo proprietario da un vecchio amico, per un lavoro da compiere insieme ad una squadra… speciale.
Il Mandaloriano, insieme a Mayfeld, Xi’an, Burg e Zero abbordano una nave-galera neo-repubblicana per salvare Qin, fratello della Twi’Lek. L’obiettivo non dichiarato della missione è farla pagare al nostro protagonista, per una missione andata male, tempo prima.
Ma mettersi contro un mandaloriano, non è sempre una buona idea.

LA SQUADRA DI RAN

Ranzar “Ran” Malk

Ranzar è un criminale che ha evidentemente già avuto a che fare con il Mandaloriano. Pare infatti che i due abbiano lavorato insieme, in passato, motivo per cui decide di affidargli una missione, nonostante conosca il suo status di ‘ricercato’ da parte dell’influente Gilda dei Cacciatori di Taglie. Il lavoro è semplice: recuperare un prigioniero da una nave-galera della Nuova Repubblica, lavorando fianco a fianco con tre mercenari di fiducia.

Mayfeld

Chissà che faccia hai. Magari è un gungan.

Mayfeld è un mercenario nonché ex tiratore scelto dell’Impero Galattico, che abbandonò il servizio militare prima della caduta dell’Impero stesso. E’ apparentemente il leader della squadra incaricata da Ran di recuperare il prigioniero.

Xi’an

Twi’lek abile e letale con l’arma bianca e particolarmente rancorosa nei confronti del mandaloriano. Qualcosa sembrerebbe suggerire che tra i due ci sia stata una relazione, per quanto non vi è nessuna certezza al riguardo. E’ interpretata da Natalia Tena (Harry Potter e Il Trono di Spade).

Burg

Burg è un devaroniano, un’altra specie – oltre ai twi-lek – particolarmente legata alla Trilogia Originale, e comparsa per la prima volta nella scena della cantina in Una Nuova Speranza. E’ il braccio muscoloso della squadra. Burg è interpretato da Clancy Brown, voce di Savage Opress in Star Wars: The Clone Wars e Ryder Azadi in Star Wars Rebels.

Zero

Q9-0, noto anche come Zero, è il droide della squadra di mercenari. E’ un abile pilota, ed è incaricato di scortare il team presso la nave-galera.

A VOLTA RITORNANO

Durante l’assalto alla nave neo-repubblicana, oltre le sbarre di una cella si intravede per qualche secondo un ardenniano, la stessa specie di Rio Durant, il pilota amico di Beckett comparso in Solo: A Star Wars Story. In un’altra cella si può vedere invece un giovane ufficiale imperiale.

Davan, l’impacciato ufficiale della Nuova Repubblica, è interpretato da Matt Lanter, ovvero il doppiatore di Anakin Skywalker in Clone Wars. Non si tratta comunque dell’unico cammeo.

Dave Filoni infatti ha vestito i panni del pilota di X-Wing, accreditato come Trapper Wolf, e affiancato dai colleghi registi Rick Famuyiwa e Deborah Chow, nei panni rispettivamente di Jib Dodger e Sash Ketter.

RESTIAMO IN ATTESA

Anche questa puntata si rivela essere un tassello fondamentale nella costruzione dell’ambientazione, ma che poco aggiunge alla trama principale della serie. Bellissima visivamente, divertente e sicuramente più originale del quinto episodio, ha il grande pregio di mostrare per la prima volta la giovane Nuova Repubblica. Il bambino sta pericolosamente diventando un soprammobile della Razor Crest: speriamo vivamente che la fine della prima stagione (mancano due puntate) devii verso una concretizzazione della trama.

Rick Famuyiwa torna alla regia di The Mandalorian, in questo episodio dalle dinamiche forse già viste altrove, ma comunque capaci di intrattenere e divertire. Il viaggio del nostro protagonista porta la Razor Crest e il suo proprietario da un vecchio amico, per un lavoro da compiere insieme ad una squadra... speciale. Il Mandaloriano, insieme a Mayfeld, Xi'an, Burg e Zero abbordano una nave-galera neo-repubblicana per salvare Qin, fratello della Twi'Lek. L'obiettivo non dichiarato della missione è farla pagare al nostro protagonista, per una missione andata male, tempo prima. Ma mettersi contro un mandaloriano, non è sempre una buona idea. LA…
Pro: la Nuova Repubblica e gli X-Wing. Contro: la sensazione di trovarsi difronte ad un'altra puntata eccessivamente filler.

The Mandalorian: Chapter 6, The Prisoner

Regia - 70%
Sceneggiatura - 70%
Ambientazione - 90%

77%

Pro: la Nuova Repubblica e gli X-Wing. Contro: la sensazione di trovarsi difronte ad un'altra puntata eccessivamente filler.


Questo articolo è distribuito sotto licenza Creative Commons: vietata la riproduzione priva di menzione di paternità adeguata, a scopi commerciali o per opere derivate.