Alla premiere di Knives Out, a Toronto, il regista statunitense Rian Johnson ha avuto modo di tornare a parlare di Star Wars, in un’intervista piuttosto interessante.
Leggiamone insieme i passaggi più significativi.

L’INTERVISTA A RIAN JHONSON

– I più giovani restano sorpresi quando scoprono che L’Impero Colpisce Ancora è stato considerato il ‘miglior film di Star Wars’ non prima della fine degli anni 90.
Vero.

– Mi ricorda un po’ la traiettoria de Gli Ultimi Jedi.
Sono un po’ diffidente nel parlarne, perchè non vorrei sembrare, non so, come se stessi difendendo qualcosa.

– Non penso tu debba difendere nulla.
Sono sempre un po’ incerto quando devo rispondere ad una domanda del genere, e non per te. In migliaia riprendono le mie parole ed ecco, sembra che io parli solo di Star Wars.

– Vero, contrariamente a tutto ciò di cui abbiamo parlato finora.
E’ così. Comunque, da bambino, ricordo chiaramente di essere stato deluso da L’Impero Colpisce Ancora.

– E’ stato il primo che hai visto?
E’ stato il primo.

– Anch’io. Perché non puoi semplicemente ‘guardare Star Wars’, come adesso.
Penso che mio padre mi abbia portato, quando ero molto giovane, a vedere Una Nuova Speranza. Ricordo anche Il Ritorno dello Jedi, che da bambino avevo adorato. Lo ricordo molto vividamente. Ma poi L’Impero divenne lentamente il mio preferito. Guarda, lo stesso sarà stato per te, avevamo circa vent’anni quando uscirono i prequel.

– La cosa strana de L’Impero è che avevamo i giocattoli prima di vederlo. Tutti i bambini più grandi mi avevano detto quanto fosse divertente lo Star Wars originale. Poi l’Impero venne rilasciato e i miei genitori mi portarono a vederlo, e io: che diavolo è questo?
Luke viene simbolicamente castrato da suo padre.

– Da piccolo ho pensato: come dovrebbe essere divertente questa roba?
Si, è così. Ecco perchè è quello che è, anche se in un primo momento ho avuto quella reazione, poi è rimasto in me […] Penso sia così per qualsiasi cosa con un seguito tanto appassionato […] Ecco perchè lo adoro.

– Mi rendo conto di quanto siate criptici riguardo i nuovi film. Insomma, di cosa si tratta?
Non posso dire nulla al riguardo. Sono ancora in elaborazione.


Rian Johnson da qualche tempo ha ridotto il numero di tweet a tema Star Wars, per via delle pedanti polemiche che lo accusavano di parlare della Saga troppo spesso, al fine di difendere il controverso Episodio VIII: Gli Ultimi Jedi. Come specifica in questa intervista (e come in realtà era piuttosto ovvio) non ha fatto altro che rispondere alle domande che gli sono state poste. Il regista ha ancora la piena fiducia di Disney e Lucasfilm, che hanno confermato la sua nuova serie di film ambientati nella Galassia Lontana Lontana, a cui sta già lavorando.

Episodio V: l’Impero Colpisce Ancora non fu subito considerato un capolavoro. Al suo sequel (Il Ritorno dello Jedi) andò persino peggio, dal momento che dopo la sua uscita venne accusato di aver definitivamente rovinato la Saga. Conoscevate queste controversie riguardanti la Trilogia Originale?
Fatecelo sapere, e che la Forza sia con voi!


Questo articolo è distribuito sotto licenza Creative Commons: vietata la riproduzione priva di menzione di paternità adeguata, a scopi commerciali o per opere derivate.