I finali più logici per Episodio IX: l’Ascesa di Skywalker

  Pubblicato il 20 Settembre 2019
  da

I finali più logici per Episodio IX: l'Ascesa di Skywalker 1
star wars

Tempo di lettura Tempo di lettura: 3 minuti


Mancano ormai pochi mesi al lancio della pellicola che metterà la parola fine alla saga degli Skywalker, e la domanda che tormenta i fan è quale sarà la conclusione della saga creata da George Lucas; non sarà certo facile eguagliare la magia del finale originale rappresentato da “Il Ritorno dello Jedi”, dove abbiamo visto Anakin Skywalker redimersi grazie a suo figlio Luke.

Le scelte più logiche

Fino ad ora nella saga abbiamo visto una trilogia concludersi con l’oscurità che gettava la sua ombra su tutto, e un’altra con la luce che risplendeva sull’intera galassia, per cui avrebbe più senso se quest’ultima trilogia si concludesse con il raggiungimento dell’Equilibrio vero e proprio, e ci sono molti indizi che ci portano a credere ciò.

1) La profezia del Prescelto

In origine Anakin aveva già compiuto la profezia nel sesto episodio, ma questo solo in linea teorica perché comunque sia, oggettivamente parlando, non si è mai compreso pienamente cosa fosse l’Equilibrio nella Forza. Il significato di questo concetto è sempre stato lasciato all’interpretazione personale.

Inoltre non è un caso che qualche mese fa, nel romanzo Master and Apprentice, siano state rivelate le esatte parole della profezia, “Verrà un prescelto, nato da nessun padre, e attraverso di lui sarà ripristinato l’equilibrio definitivo della Forza”, queste parole sembrerebbero riferirsi ad Anakin Skywalker visto che, come ben sappiamo, lui non ha mai avuto un padre.

2) L’Ascesa di Skywalker

Il titolo del nono film è sicuramente un altro indizio che ci fa capire che ci potrebbe essere un’apparizione di Anakin. Inoltre, trattandosi di un’ascesa, il titolo dovrebbe riferirsi proprio ad uno Skywalker ormai defunto.

3) Mortis

I finali più logici per Episodio IX: l'Ascesa di Skywalker 2

Non è un caso che la trilogia sequel presenti molte analogie con l’arco di Mortis, visto nella serie animata “The Clone Wars”, un arco che ha approfondito molto il concetto di Equilibrio; lo stesso Rian Johnson ha affermato di aver visto quell’arco narrativo su suggerimento di Dave Filoni prima di lavorare a “Gli Ultimi Jedi”. Infatti i personaggi di Luke, Rey e Kylo Ren presentano molte somiglianze rispettivamente con Il Padre, La Figlia e Il Figlio

Ma come si raggiunge l’equilibrio?

Secondo i Jedi l’equilibrio si sarebbe ristabilito una volta eliminati i Sith, convinti che con loro sarebbe sparito anche il Lato Oscuro. Ciò non succederà mai poiché, cosi come il Lato Chiaro, anche il Lato Oscuro è parte integrante della Forza è nessuno dei due potrebbe esistere senza l’altro. Tant’è che anche dopo episodio VI il Lato Oscuro è ancora presente e vivo nella galassia, rappresentato da Snoke e Kylo Ren.

L’Ordine dei Jedi ha una visione distorta della Forza ed è destinato a fallire. Persino il Padre nell’arco di Mortis ammette che troppa luce o troppa oscurità portano sempre all’autodistruzione, e nella saga abbiamo molti esempi di ciò.

Anakin ha già compiuto parte della profezia distruggendo sia l’ordine dei Jedi che l’ordine Sith, e ora deve portarla a termine, facendo in modo che luce e oscurità coesistano; ovviamente non è ancora chiaro se sarà direttamente lui ad assumere il ruolo di Padre in quanto prescelto, oppure se il ruolo di Padre verrà preso da Luke in quanto mentore sia di Rey che di Kylo, e invece Anakin sarà il cosiddetto “creatore” di questa Trinità. Ciò che è logico pensare è che Anakin Skywalker, in qualità di prescelto, avrà un ruolo importante nell’ultimo capitolo della saga degli Skywalker.

Questo articolo è stato scritto da un lettore di Star Wars Addicted