Il trailer di Episodio IX: The Rise of Skywalker è uscito solo da poche ore ma il fandom sta già fantasticando sulle vicende che concluderanno una volta per tutte la Saga degli Skywalker.

In un’intervista di J.J. Abrams rilasciata a Clayton Sandell di ABC News, il regista ha rivelato che in The Rise of Skywalker il tema dei genitori di Rey verrà trattato ancora una volta, e che quindi non si è definitivamente concluso con la rivelazione di Kylo Ren ne Gli Ultimi Jedi.

LE ORIGINI DI REY

Il regista ha tenuto a sottolineare che non ci sarà alcuna rivelazione incongruente con quanto visto nell’ottavo capitolo, quindi è probabile che non spunteranno parentele importanti dal nulla.
Dunque, dobbiamo ancora prendere per buono quanto visto fin ora: Rey è stata abbandonata su Jakku dai suoi genitori. Ma cosa scopriremo di nuovo in The Rise of Skywalker? Cosa c’è dietro la scelta di lasciare una bambina su un pianeta inospitale come Jakku? E’ stato davvero solo per denaro, o c’è una motivazione più complessa a giustificare l’insano gesto?

Come spiegato anche nella nostra analisi del trailer, ad un certo punto sembrerebbe esserci proprio quella stessa nave comparsa ne Il Risveglio della Forza, e che dovrebbe appartenere ai genitori di Rey. E’ probabile quindi che quest’ultimo capitolo ci sveli finalmente le origini di Rey, magari anche attraverso l’uso dei flashback che, a partire da Episodio VII, sono diventati quasi un appuntamento costante nei film di Star Wars.

Concludiamo con un fatto da non sottovalutare: ogni episodio della Saga nasconde sempre una grande rivelazione, qualcosa che fa letteralmente saltare dalla sedia lo spettatore. Un segreto svelato, un legame inaspettato o magari la comparsa di un personaggio noto. Questa rivelazione sarebbe potuta essere l’apparizione di Palpatine, ma se qualcosa di tanto sconvolgente ci è stata svelata al primissimo teaser, vuol dire solo una cosa: il meglio deve ancora arrivare.

Fateci sapere cosa ne pensate, e che la Forza sia con voi!


Fonte: StarWarsNewsNet

 

 

 



Commenta questo articolo sulla nostra pagina Facebook.