Finalmente il mandaloriano si è palesato ai fan della Galassia Lontana Lontana, con il suo elmo scintillante e l’aura di mistero. Da quanto abbiamo potuto vedere, The Mandalorian ricorda in maniera impressionante un western di Segio Leone: le ambientazioni, i colori, i personaggi e persino l’anonimato del protagonista, che somiglia tanto ad un Clint Eastwood spaziale.

Nel panel della Celebration sono intervenuti il produttore della serie Jon Favreau, il regista del primo episodio Dave Filoni e gli attori Pedro Pascal, Gina Carano e Carl Weathers.

Ma vediamo nel dettaglio cosa ci hanno mostrato in questo panel.

LA NAVE DEL MANDALORIANO

La nave principale del protagonista si chiama Razorcrest. E’ stata creata con un modello reale, e non in CGI. Il creatore di modellini della ILM John Goodson ha creato la base, coadiuvato dalla leggenda degli effetti speciali John Knoll. Secondo Favreau, infatti, è stato importante rendere omaggio alla tradizione di usare effetti pratici, a scapito della computer grafica.

ALIENI, PIANETI E ASTRONAVI

Da The Mandalorian potremo aspettarci una gran quantità di nuovi e vecchi alieni, pianeti e navi. La serie si svolge circa cinque anni dopo Il Ritorno dello Jedi, per cui avremo a che fare anche con vecchie conoscenze oltre che con nuove specie aliene. Favreau ha inoltre ribadito che c’è stata un’attenzione maniacale per i dettagli e che desidera che i fan si sentano a casa, guardando la serie.

SOLO FAN A LAVORO SU THE MANDALORIAN

Favreau ha voluto nella sua squadra solo fan di Star Wars. Tutti i registi che si sono alternati nella direzione della serie, infatti, sono anche amanti della Galassia Lontana Lontana.
Ad un certo punto, ha raccontato il produttore, non c’erano più abbastanza comparse per interpretare gli stormtrooper imperiali, così insieme a Filoni hanno chiamato la 501st legione (il noto gruppo di costuming) che è arrivata subito sul set e si è prestata alle riprese.
L’attrice Gina Carano si è detta sorpresa del dettaglio dei costumi.

PEDRO PASCAL SI E’ ISPIRATO ALL’UOMO SENZA NOME

Come detto all’inizio di questo articolo, The Mandalorian sembra un grande western spaziale, forse più di quanto lo sia stato effettivamente Solo: A Star Wars Story. Pedro Pascal, infatti, ha spiegato di essersi ispirato al personaggio che Clint Eastwood ha interpretato nella famosa Trilogia del Dollaro, ovvero un pistolero senza nome, avido ma con un preciso codice morale.

GINA CARANO

Il personaggio interpretato dall’attrice Gina Carano si chiama Cara Dune, ed è una ex combattente che lotta per reintegrarsi nella società.

CARL WATHERS

L’attore americano interpreta Greef Carga, il capo di una gilda di cacciatori di taglie. Pare che il suo personaggio stia cercando qualcuno che possa aiutarlo a completare un lavoro per un cliente molto prezioso. Quel qualcuno è proprio il mandaloriano, ovviamente.

POCHE CONTROFIGURE

Sia Weathers che Carano hanno evitato l’utilizzo di controfigure. Favreau ha spiegato che in una scena il personaggio di Carano avrebbe dovuto portare via un compagno ferito, e incredibilmente è stata la stessa attrice a girare, trascinando una persona vera senza alcun problema.

NUOVI PRIMATI

The Mandalorian segnerà molti primati: è la prima serie live action di Star Wars, ed è la prima volta che un prodotto di Star Wars è stato girato negli Stati Uniti.

FAVREAU E FILONI

Non è la prima volta che Favreau e Filoni hanno lavorato insieme: sono stati infatti il ‘pubblico di prova’ rispettivamente per Clone Wars e Iron Man. I due hanno rivelato di essersi incontrati allo Skywalker Ranch e dopo essersi conosciuti hanno deciso di darsi un parere a vicenda. E’ così che Favreau finì per prestare la voce a Pre Vizsla, un letale guerriero mandaloriano che brandisce la dark saber.

Non ci resta che attendere il 12 Novembre 2019, quando insieme a Disney+ esordirà anche The Mandalorian. Per vederlo qui in Italia, però, ci sarà da aspettare il 2020.

Fateci sapere cosa ne pensate e che la Forza sia con voi!



Commenta questo articolo sulla nostra pagina Facebook.