Probabilmente conoscete la specie dei Kaleesh grazie al suo esponente più noto, il Generale Grievous, comparso in Star Wars: La Vendetta dei Sith a capo del temibile esercito di droidi separatisti.

Avete idea di cosa fosse, però, il Generale prima di sottoporsi all’invadente operazione che lo ha trasformato in un cyborg assetato di sangue?

L’ASPETTO DEI KALEESH

Originari del pianeta Kalee, disperso nello spazio selvaggio, i Kaleesh sono una specie senziente dalle sembianze di un rettile. Generalmente hanno una pelle rossa e gli occhi gialli, con una pupilla verticale. Nonostante vadano fieri del loro peculiare aspetto, i Kaleesh indossano tradizionalmente delle maschere tribali.
Sono digitigradi, ovvero camminano sulle falangi senza utilizzare l’intera pianta del piede.

IL GENERALE GRIEVOUS

Inulti dire che il Kaleesh più famoso nella Galassia di Star Wars è proprio il Generale Grievous. Era un Signore della Guerra Kaleesh che servì come ufficiale a comando delle forze militari della Confederazione dei Sistemi Indipendenti, durante gli ultimi anni della Repubblica Galattica.
Sebbene fosse conosciuto con il grado di Generale, Grievous era formalmente il Comandante Supremo dell’esercito droide, che si scontrò con il Grande Esercito della Repubblica durante le Guerre dei Cloni.
Noto per la sua spietatezza e gli estesi potenziamenti cibernetici, Grievous è stato sconfitto su Utapau nel 19 BBY, dal maestro jedi Obi-Wan Kenobi.

EREDITA’

Una maschera Kaleesh compare anche ne Il Risveglio della Forza. Il pirata spaziale Sidon Ithano, infatti, ne indossa una, pur essendo un delphidiano.


Molti anni dopo la morte di Grievous lo scienziato imperiale Cylo si ispirerà proprio al Generale per costruire Karbin, il cyborg che avrebbe dovuto sostituire Darth Vader al fianco dell’Imperatore. Persino  Temmin Wexley, futuro pilota della Resistenza, utilizza un vecchio software di Grievous per animare la sua guardia del corpo, il Signor Ossa.

Che ne pensate dei Kaleeh? Fatecelo sapere nei commenti e che la Forza sia con voi!



Commenta questo articolo sulla nostra pagina Facebook.