Mancano più di 400 giorni al terzo capitolo della trilogia sequel, ma in rete sono già comparsi i primi rumors che – come da tradizione – ci accompagneranno fino all’uscita delle sale dell’ultima pellicola di Star Wars.

L’ultimo rumors vorrebbe Matt Smith, l’attore britannico noto per aver interpretato l’undicesimo dottore in Doctor Who, ricoprire il ruolo di Sheev Palpatine.
Il primo pensiero va ad un flashback, ma ricordiamo che Ian McDiarmid interpretò l’Imperatore per la prima volta a soli 38 anni ne Il Ritorno dello Jedi, e ad ora Smith ne ha già 36.

Ma andiamo con ordine.

L’ORIGINE DEL RUMOR

La maggior parte delle notizie pubblicate su blog italiani di settore ha generalmente come fonte Reddit, una community-contenitore a cui molti attingono per comodità, dimenticando fin troppo spesso di valutare le fonti personalmente.

Questo rumor in particolare, prima di approdare su Reddit, è stato pubblicato da superbromovies.com, un blog di cinema attivo dal 2017.

Citando come fonte il canale YouTube Weekly Planet, l’autore dell’articolo tira in ballo Mr Sunday Movies (un altro canale youtube), che nel suo show Hot Scoop or Shot of Poop (notizia calda o colpo di cacca, un titolo che la dice lunga, ndt) ha rivelato che secondo una fonte (ovviamente anonima, ci mancherebbe altro) vicina alla produzione di Episodio IX, Matt Smith andrà ad interpretare l’Imperatore Palpatine.

Risultato? Centina di blog – non solo fan site ma anche professionisti del settore – hanno condiviso la notizia nascondendosi dietro il tag ‘rumors‘, che assicura protezione dai debunker.

RIVEDREMO L’IMPERATORE PALPATINE?

Non c’è modo di saperlo con certezza. Questa voce di corridoio potrebbe rivelarsi straordinariamente vera, perchè no? Forse questa fonte anonima è sincera, diversamente da quelle che volevano Luke come Kylo Ren ne Il Risveglio della Forza, o addirittura Rey incarnazione di Anakin ne Gli Ultimi Jedi.

Una cosa è certa, però: il valore di un rumor dall’origine incerta è infinitamente basso, e rischia soltanto di creare false aspettative.

E sappiamo tutti che le false aspettative conducono al lato oscuro.


Questo articolo è distribuito sotto licenza Creative Commons: vietata la riproduzione priva di menzione di paternità adeguata, a scopi commerciali o per opere derivate.