Solo: A Star Wars Story è, con tutta probabilità, l’esempio vivente di come il box office non sempre sia indice di qualità. Nonostante il flop (392 milioni dollari, contro il miliardo e 332 milioni di Star Wars: Gli Ultimi Jedi) ha riscontrato un notevole apprezzamento all’interno del fandom, mettendo – più o meno – d’accordo tutti.

Sono tantissimi i riferimenti sparsi in questa pellicola, che difficilmente scadono nel mero fan service. Non mancano citazioni alla trilogia prequel, all’Originale e persino all’universo Legends. In questo articolo vi illustrerò i più interessanti: alcuni li avrete senza dubbio scovati alla prima visione, ma un paio potrebbero esservi sfuggiti!

1. I DADI
Il visual dictionary de Gli Ultimi Jedi suggerisce che Han usò questi dadi per vincere il Falcon, ma in Solo: A Star Wars Story scopriamo che non è andata esattamente così. Han possiede i suoi dadi già dai tempi di Corellia: non li abbandona mai, considerandoli dei portafortuna. La loro vera origine, ad ora, non è nota.

2. LA MARCIA IMPERIALE
Nel tentativo di fuggire da Corellia, Han decide si arruolarsi nell’Impero. A convincerlo sarà un vero e proprio spot, con in sottofondo la marcia imperiale. Non è la prima volta che ascoltiamo il famoso motivetto vaderiano ‘in universe‘, in verità. E’ già successo in Star Wars: Rebels, durante la parata nel giorno dell’Impero, su Lothal (puntata 1×6).

3. IL NOME
‘SOLO’ in inglese ha un significato simile a quello italiano. Non c’è stato bisogno di nessuna acrobazia particolare in fase di adattamento: Han diventa ‘Solo’ perchè, effettivamente, è solo.

4. CHEWBACCA FIGLIO DI..
Quando Han Solo chiede a Chewie il suo nome, il grosso wookiee risponde con ‘Chewbacca, figlio di Attichitcuk‘ (tra un latrito e l’altro). Attichitcuk è già comparso nell’infausto Holiday Special, ovviamente in versione ‘legends’.

5. LA GHOST
Nel tentativo di spronare Lando a scommettere il Falcon, Han Solo dice di possedere un VCX-100. Si tratta dello stesso modello di nave della Ghost, il mezzo dei ribelli di Rebels.

6. TERAS KASI
Qi’Ra ammette di essere molto abile nella disciplina Teräs Käsi. Si tratta di un’arte marziale già comparsa nell’universo di Star Wars. Più precisamente, nel gioco per Play Station del 1997, Star Wars: Master of Teräs Käsi.

7. BOSSK
Parlando del colpo al treno, Val suggerisce a Beckett di assumere qualcuno più in gamba del giovane Han Solo. Tra gli altri fa il nome di Bossk, il temibile cacciatore di taglie trandoshano già comparso ne L’Impero Colpisce Ancora e nella serie animata Clone Wars.

8. LE SORELLE ZAN
Val nomina anche le sorelle Zan, un chiaro riferimento a Zan e Zu Pike, due sorelle gemelle maestre di Teräs Käsi comparse nel romanzo del 1996 Shadows of the Empire.

9. LANDONE
Mentre stanno dirigendosi verso il Millenium Falcon per la prima volta, L3 chiama Lando ‘Landone‘. In realtà è un errore di traduzione. In lingua originale, infatti, L3 lo chiama ‘Landonis‘, il suo vero nome.

10. LO SO
– Ti Odio; – Lo So; questo intermezzo tra Lando e Han dopo essere atterrati su Savareen con il Falcon a pezzi, è un chiaro riferimento al più drammatico scambio tra Han e Leia, ne l’Impero Colpisce Ancora, poco prima che il contrabbandiere venga congelato nella carbonite.

11. DL-44
In Solo: A Star Wars Story scopriamo come Han entra in possesso della sua storica arma. E’ proprio Beckett a dargliela, poco prima del colpo al treno.

12. CHI HA UCCISO AURRA SING?
Comparsa in un cameo ne La Minaccia Fantasma, e nella serie Clone Wars, Aurra Sing è un’astuta cacciatrice di taglie. E, a quanto pare, è stato Beckett ad ucciderla.

13. WEAZEL E BENTHIC
Tra i ribelli di Enfys Nest troviamo due volti già noti. Il primo è Weazel, comparso ne La Minaccia Fantasma durante la gara di sgusci. Il secondo è Benthic, uno dei fratelli Tognath visti in Rogue One nelle fila di Saw Gerrera.

14. JABBA
Beckett parla di un noto gangster con base su Tatooine. Si riferisce chiaramente a Jabba, per il quale Han Solo lavorerà a lungo, prima di incontrare Luke e Obi-Wan Kenobi.

15. L3 NEL FALCON
Prima di Solo: A Star Wars Story sapevamo che il computer centrale del Millenium Falcon era collegato al cervello di tre droidi (fonte: Star Wars: Absolutely Everything You Need to Know). Ora sappiamo che uno di quei droidi è L3-37, il droide ribelle di Lando, che fa letteralmente parte della nave.

16. HAN SOLO SHOT FIRST
Una delle critiche mosse più spesso nei confronti della Special Edition di ‘Una Nuova Speranza’, è quella di aver modificato la scena in cui Han Solo spara a Greedo. Nell’originale, infatti, Han spara per primo (anzi, è l’unico a sparare!). In Solo: A Star Wars Story il contrabbandiere corelliano ha la sua vendetta, per così dire, sparando a Beckett prima che questo riesca a premere il grilletto.

17. PESCE COLO
Sul suo yatch, Dryden Vos offre alla banda di Beckett del pesce Colo. Si tratta del gigantesco pesce visto già ne La Minaccia Fantasma, negli oceani di Naboo.

18. I DIARI DI LANDO
Mentre registra i suoi diari a bordo del Millenium Falcon, Lando cita alcune sue avventure apparse in alcuni libri legends del 1983: Lando Calrissian and the Mindharp of Sharu, Lando Calrissian and the Flamewind of Oseon e Lando Calrissian and the Starcave of ThonBoka.

19. IL MAW
Il gigantesco buco nero nei pressi di Kessel non compare in Solo: A Star Wars Story per la prima volta. Lo abbiamo già incontrato, infatti, nel romanzo legends del 1994 Jedi Search.

20. GUARDIA DI SKIFF
Su Kessel Beckett si traveste da Guardia di Skiff. Stesso travestimento che utilizzerà Lando per infiltrarsi nel palazzo di Jabba, su Tatooine, e liberare Han Solo.

Insomma, questa pellicola è piena di riferimenti che vanno a toccare i prequel, le serie animate e tante opere Legends che stanno venendo progressivamente incorporate nella continuity ufficiale.
Tra l’altro è chiaro come il finale aperto sia l’indizio di un eventuale sequel, la cui produzione è diventata decisamente incerta dopo il pessimo risultato al box office.

E voi che ne pensate? Avete scovato tutti i riferimenti? Ne avete notato qualcuno assente in questa lista?
Fatecelo sapere nei commenti e che la Forza sia con voi!

[irp]

Commenta questo articolo sulla nostra pagina Facebook.